Supplenze da GPS 2020/21, controllo titoli di accesso: chiarimenti Ministero Istruzione su laurea triennale
Supplenze da GPS 2020/21, controllo titoli di accesso: chiarimenti Ministero Istruzione su laurea triennale

Supplenze scuola per l’anno scolastico 2020/21, procedono tra mille difficoltà le operazioni riguardanti le Graduatorie Provinciali per le Supplenze. Mentre si continua a procedere con le rettifiche degli elenchi un po’ ovunque, il Ministero dell’Istruzione ha fornito alle segreterie scolastiche delle istruzioni particolari in merito ai controlli da effettuare alla prima supplenza.

Supplenze da GPS, disposizioni Ministero dell’Istruzione su controllo titoli di accesso

Il primo controllo riguarda il titolo di accesso, sia che questo sia rappresentato dall’abilitazione oppure dalla laurea + 24 Crediti Formativi Universitari o diploma istituto secondaria + 24 CFU. Per quanto riguarda la laurea, occorrerà valutare l’eventuale conseguimento dei CFU integrativi per l’accesso alla classe di concorso.

Loading...

Laurea triennale

In secondo luogo si dovrà procedere al controllo sui titoli culturali, tra i quali figura la laurea triennale. Il Ministero ha ammesso qualche criticità in merito alla valutazione di questo titolo: ‘Nella fase di valutazione non è stato possibile procedere alla loro esclusione automatica’ precisando che ‘l’aspirante dovrà dimostrare la veridicità della dichiarazione circa la non propedeuticità del titolo’. 

Loading...

In ogni caso, l‘ultima Nota ministeriale ha sottolineato, ancora una volta, che la laurea triennale, da sola, non costituisce titolo di accesso a nessuna classe di concorso.
L’unica laurea triennale che costituisce titolo di accesso è la L19 esclusivamente per il personale educativo (accompagnata dai 24 CFU).

Giova ricordare, infine, quanto ribadito dal Ministero dell’Istruzione per quanto riguarda i titoli di accesso non validi: in questo caso il Dirigente Scolastico ‘non sottoscrive il contratto ovvero lo rescinde e ne dà immediata comunicazione all’Ambito territoriale per il seguito di competenza.’