Nota USR Lombardia N. 22180 del 16 settembre su operazioni assegnazione supplenze

Supplenze da Graduatorie Provinciali e da Graduatorie di Istituto. L’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia ha emesso in data odierna, mercoledì 16 settembre, la Nota N. 22810 del 16 settembre avente come oggetto: ‘Indicazioni per la copertura dei posti di docente vacanti e disponibili o soltanto disponibili’.

Nota USR Lombardia N. 22180 del 16 settembre su operazioni assegnazione supplenze

All’interno della nota, si fa presente come le operazioni di conferimento delle supplenze annuali o fino al termine delle attività didattiche siano già in corso: tuttavia, si prevede che la procedura possa protrarsi per alcuni giorni in considerazione del numero di posti particolarmente alto.

Loading...

‘Per fare fronte alla attuale carenza di personale docente – si legge nella nota – i Dirigenti scolastici potranno coprire i posti a qualunque titolo disponibili utilizzando le nuove graduatorie d’istituto e assegnando contratti recanti il termine del 30 giugno (posti disponibili) o del 31 agosto (posti vacanti e disponibili). I contratti dovranno inoltre contenere obbligatoriamente la clausola risolutiva di cui all’art. 41, comma 1, del CCNL del comparto istruzione e ricerca siglato il 19 aprile 2018, il quale prevede che: “Tra le cause di risoluzione [dei] contratti vi è anche l’individuazione di un nuovo avente titolo a seguito dell’intervenuta approvazione di nuove graduatorie”.’

Si convoca da graduatorie di istituto sino a individuazione avente titolo GPS

A seguito dell’approvazione delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) da parte degli Uffici Scolastici Territoriali, gli stessi procederanno ad individuare il personale docente avente titolo al contratto a tempo determinato annuale o fino al termine delle attività didattiche

Le operazioni sono già in corso in alcune province relativamente alle cattedre di sostegno e ad alcune classi di concorso e proseguiranno fino al loro completamento. Il numero dei posti sui quali convocare in Lombardia è particolarmente alto ed è pertanto prevedibile che le operazioni si protraggano per alcuni giorni. 

In proposito il Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione ha diramato una Nota, in data 11 settembre 2020, avente ad oggetto: “Chiarimenti in merito all’O.M. n. 60 riguardo le attività di convalida delle Graduatorie provinciali per le supplenze e la produzione delle Graduatorie di istituto”, alla quale si rimanda per quanto riguarda la verifica delle graduatorie affidate alle istituzioni scolastiche. 

Alla scrivente Direzione Generale non sfuggono le difficoltà organizzative che le istituzioni scolastiche nel frattempo stanno affrontando a causa dei diffusi vuoti di organico, peraltro coincidenti con la delicata situazione imposta da rigide misure di prevenzione che escludono soluzioni improvvisate e di ripiego nella gestione delle classi. 

D’altra parte le aspettative delle famiglie non sempre si conciliano con quanto le istituzioni scolastiche sono concretamente in condizioni di offrire. Il Ministero sta rendendo disponibili in queste ore le graduatorie d’istituto 2020, che sarà cura dei Dirigenti scolastici pubblicare appena ricevuta dagli UU.SS.TT. la conferma della loro disponibilità. 

Per fare fronte alla attuale carenza di personale docente, i Dirigenti scolastici potranno coprire i posti a qualunque titolo disponibili utilizzando le nuove graduatorie d’istituto e assegnando contratti recanti il termine del 30 giugno (posti disponibili) o del 31 agosto (posti vacanti e disponibili). I contratti dovranno inoltre contenere obbligatoriamente la clausola risolutiva di cui all’art. 41, comma 1, del CCNL del comparto istruzione e ricerca siglato il 19 aprile 2018, il quale prevede che: “Tra le cause di risoluzione [dei] contratti vi è anche l’individuazione di un nuovo avente titolo a seguito dell’intervenuta approvazione di nuove graduatorie”. 

Si ritiene opportuno che di tale clausola sia preventivamente informato il personale aspirante a supplenza sia in fase di chiamata che di presa di servizio e di sottoscrizione del contratto individuale di lavoro. I contratti stipulati a seguito di chiamata dalle graduatorie d’istituto avranno comunque termine con l’individuazione dell’avente titolo dalle GPS.

Le graduatorie d’istituto potranno essere usate per tutte le altre tipologie di assenza (malattia, congedi parentali, maternità, ecc.), nel rispetto delle indicazioni contenute nel regolamento di cui all’O.M. n. 60/2020.

Qui sotto potrete trovare il testo integrale della nota