Supplenza breve da graduatorie istituto, quando si può lasciare? Indicazioni Ministero Istruzione

Supplenze per l’anno scolastico 2020/21, importante chiarimento in arrivo dall’Ambito Territoriale di Padova in merito alla procedura di accettazione di incarichi di supplenza su posto comune e posto di sostegno. 

Supplenze anno scolastico 2020/21: rinuncia posto comune preclude incarico posto sostegno?

In una FAQ, infatti, si legge:
‘Se non invio l’accettazione di una proposta di supplenza su posto comune, potrò essere chiamato per ricevere una proposta di supplenza su posto di sostegno (per non specializzato)?’

Loading...

L’Ambito Territoriale di Padova ha risposto così: ‘Si, anche se si rinuncia a tutte le proposte di supplenza ricevute su posto comune, si ha titolo ad essere convocati, nei prossimi giorni, dall’Ufficio Territoriale per esprimere preferenze in ordine all’eventuale conferimento di supplenza su posto di sostegno rimasti vacanti e disponibili, in base alla posizione nell’intergraduatoria‘.

Cosa dice la Circolare annuale sulle supplenze 2020/21?

La risposta, pertanto, lascia intendere che il rifiuto o la mancata accettazione di un incarico di supplenza su posto comune non chiude affatto la porta alla possibilità di poter ricevere un’altra proposta di supplenza su posto di sostegno da graduatorie incrociate.

Tuttavia, sembra che questa direttiva non sia stata recepita da diverse province. Anche i sindacati hanno sottolineato come il punto in questione sia stato chiarito con la Circolare annuale sulle supplenze per l’anno scolastico 2020/21 dove si legge: ‘La rinuncia o l’assenza alla convocazione comporta la perdita della possibilità di conseguire altra supplenza sulla base della GAE e delle GPS a seconda della graduatoria interessata dalla convocazione per il relativo insegnamento’. 

Considerando l’applicazione non uniforme di tale normativa su tutto il territorio nazionale, sarebbe quanto mai opportuno che il Ministero dell’Istruzione intervenisse direttamente per fugare qualsiasi interpretazione non corretta.