Supplenze da graduatorie istituto, disposizioni Ministero: si può lasciare l'incarico per un altro?
Supplenze da graduatorie istituto, disposizioni Ministero: si può lasciare l'incarico per un altro?

L’articolo 13 dell’OM 60 del 10 luglio 2020 definisce le regole del conferimento delle supplenze brevi e temporanee, le quali avvengono dalle Graduatorie di Istituto. Vediamo quali sono dunque, le modalità e i criteri di assegnazione.

Supplenze brevi e temporanee 2020: la convocazione

Le supplenze brevi e temporanee da Graduatorie di Istituto 2020 sono gestite dal Dirigente scolastico. Le segreterie scolastiche verificano telematicamente lo stato occupazionale (totale o parziale) degli aspiranti. Poi inviano una email ai docenti interessati. Questa dovrà contenere:

  • i dati relativi alla supplenza;
  • il termine (giorno e ora) entro il quale deve avvenire la convocazione o pervenire il riscontro;
  • l’ordine di graduatoria in cui si colloca il convocato e il punteggio;
  • la data in cui verrà assegnata la supplenza;
  • i recapiti per contattare la scuola.

La proposta deve giungere con un preavviso minimo di 24 ore rispetto al termine utile per la risposta di disponibilità dell’aspirante.

Assegnazione della supplenza

Dopo aver acquisito le disponibilità da parte degli aspiranti alla supplenza breve o temporanea, il DS individua il destinatario della supplenza in base a:

  1. ordine di graduatoria in cui si colloca,
  2. punteggio maggiore rispetto agli altri convocati.

L’accettazione della supplenza (anche telematica) deve avvenire entro il termine massimo di 24 ore.

La rinuncia

La rinuncia ad una supplenza da GI, per il 2020 comporta la collocazione in coda alla graduatoria di terza fascia in merito allo stesso insegnamento. Abbandono, la nuova regola.