Palermo, mancano circa 900 supplenti tra medie e superiori: è disagio
Palermo, mancano circa 900 supplenti tra medie e superiori: è disagio

Le lezioni sono iniziate da circa una settimana, eppure mancano ancora 900 docenti. Una situazione di forte disagio quella che si sta vivendo in provincia di Palermo, tra scuole medie e superiori. Questa è la triste realtà resa nota dai dati pubblicati dal provveditorato agli studi, ora conosciuto come ambito territoriale di Palermo.

Palermo, la situazione delle convocazioni

Come si legge da un recente articolo di ‘Repubblica’, le convocazioni per assumere nuovo personale docente a tempo determinato in provincia di Palermo si svolgeranno tra oggi e domani presso il liceo classico Vittorio Emanuele II del capoluogo siculo. Al fine di evitare assembramenti, gli aspiranti supplenti sono stati convocato a gruppi di 40 a un’ora di distanza l’uno dall’altro.

Per quanto riguarda le medie, l’istituto da prendere come riferimento per le convocazioni è invece l’istituto Gramsci sito in via La Loggia. Le modalità sono più o meno le stesse: convocati a gruppi di 50 a un’ora di distanza l’uno dall’altro. I destinatari dei circa 900 posti disponibili sono tutti docenti non in possesso di abilitazione. Gli abilitati sono stati, infatti, già assunti nei giorni scorsi.

Mancano docenti su posto comune e di sostegno

Servono in tutto 894 nuovi supplenti, per la precisione: 457 su posto comune e altri 437 su sostegno. Potrebbe volerci un po’ di tempo per terminare i reclutamenti, forse diversi giorni. Le medie sembrano soffrire di una grave penuria di docenti: 540 professionisti. Le ricerche per riempire tale vuoto proseguono, non senza difficoltà. La situazione sembra essere migliore alle superiori, dove la penuria è pari a 354 professionisti da assumere. Nessuno garantisce che dopo questo lavoro di reclutamento tutti i posti vuoti siano riempiti.

Quando iniziano le lezioni?

Circa 702.000 alunni della regione Sicilia dovrebbero tornare nelle aule il prossimo 24 settembre. Riguardo le assunzioni dei supplenti una parte importante del lavoro lo faranno i dirigenti scolastici. Saranno proprio loro, infatti, a dover completare la mappa delle cattedre ancora vuote. Sono tantissimi gli insegnanti precari della Sicilia che sperano di essere convocati e poter lavorare anche quest’anno.

Cisl Scuola protesta

Tramite un recente comunicato la Cisl Scuola Palermo Trapani ha evidenziato come ci sarebbero “troppi errori” nella gestione delle convocazioni. La sigla sindacale ha dato la colpa alla “inerzia dell’amministrazione rispetto alle segnalazioni più volte reiterate”. La Cisl Scuola teme pertanto un contenzioso di massa da parte di numerosi docenti, che andrebbe a inficiare sull’inizio dell’anno scolastico, ma anche sull’erario e “su tutta la collettività”.