Nuovo Dpcm in arrivo, Conte pronto a convincere Azzolina

Riapertura della scuola, a due settimane dal rientro in classe in presenza degli oltre 8 milioni di studenti italiani, il premier Conte ha espresso la propria opinione durante il festival dell’Economia di Trento. Il Presidente del Consiglio ha colto l’occasione per spezzare una lancia a favore della ministra Azzolina, anche in relazione alle problematiche legate alla nomina delle supplenze.

Conte: ‘Azzolina? Non le si può davvero imputare uno scarso impegno’

‘Quest’anno abbiamo immesso 40.000 supplenti e altri 40.000 arriveranno entro ottobre – ha dichiarato il Presidente del Consiglio – Chiedere la presenza in ruolo i tutti i supplenti il 14 è come vivere nel mondo della fiabe.

Loading...

La scuola è un problema serio sul quale abbiamo investito 7 miliardi, abbiamo digitalizzato tutte le graduatorie ed è la prima volta, gestendo il sistema delle graduatorie con molta più trasparenza rispetto al passato. Io direi che non si può davvero imputare alla ministra Azzolina uno scarso impegno. Ho fatto tutto il liceo – ha ricordato Conte – con supplenti annuali che non arrivavano prima di dicembre. Addirittura a gennaio o febbraio e questo per tutto il liceo’.

Loading...

‘Graduatorie per le supplenze? Percentuale di errori ma su milioni di dati’

‘Abbiamo digitalizzato tutte le graduatorie. – ha aggiunto il Premier – Hanno segnalato che ci sono stati dei problemi: è la prima volta che abbiamo digitalizzato e probabilmente sono venuti anche al pettine alcune cose in maniera forse più trasparente. Possiamo parlare di una percentuale di errori ma su milioni e milioni di dati, che ci consentiranno di gestire con trasparenza quelle graduatorie. Ci stiamo lavorando. Adesso parte un concorso straordinario, un concorso ordinario‘.

Non è mancata la stoccata all’ex presidente dell’Inps, Tito Boeri: ‘Vorrei ricordare che durante il lockdown abbiamo distribuito dispositivi elettronici per tutti gli studenti, abbiamo investito più di 100 milioni solo in attrezzature informatiche. Professor Boeri mi creda, lei avrebbe certamente fatto meglio ma noi abbiamo fatto tantissimo, se vuole le mando le scheda puntuale’.