Stipendi docenti, ecco i dati ufficiali del nuovo rapporto Eurydice

Stipendi docenti, la rete Eurydice ha pubblicato, in concomitanza con la Giornata Mondiale dedicata agli insegnanti 2020, il nuovo rapporto “Teachers’ and School Heads’ Salaries and Allowances in Europe 2018/19”.All’interno del rapporto, sono riportati gli stipendi tabellari e le indennità di docenti e dirigenti di istituto delle scuole appartenenti a 42 sistemi educativi, comparandone i risultati (si riferiscono al 2018/2019).

Ultimo rapporto Eurydice sugli stipendi degli insegnanti

Per quanto riguarda gli stipendi iniziali, questi vanno dai circa 5000 a oltre 80mila euro l’anno, a seconda del Paese. Il livello salariale è generalmente correlato al tenore di vita misurato in termini di prodotto interno lordo (PIL) pro capite. In sei paesi dell’UE (Bulgaria, Lettonia, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia), lo stipendio iniziale degli insegnanti è inferiore a 9mila euro all’anno. Livelli salariali altrettanto bassi si possono trovare in Albania, Bosnia e Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia e Turchia.

Gli stipendi iniziali degli insegnanti sono inferiori a 20mila euro all’anno in altri sei Stati membri (Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Croazia, Lituania e Slovenia). Seguono Francia, Italia, Malta, Portogallo e Regno Unito (Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord), con stipendio iniziale annuo compreso tra 22mila e 28mila euro. 

Ecco dove i docenti guadagnano di più

Più alti della media sono gli stipendi iniziali degli insegnanti in Belgio, Irlanda, Spagna, Paesi Bassi, Austria, Finlandia, Svezia e Regno Unito (Scozia). Gli stipendi più alti sono in Danimarca, Germania, Lussemburgo, Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia, tutti paesi con un PIL elevato pro capite. In 12 paesi (Bulgaria, Grecia, Francia, Croazia, Lettonia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Regno Unito, Montenegro e Turchia), lo stipendio iniziale degli insegnanti principianti è lo stesso nei vari livelli di istruzione. 

Stipendi docenti, come cambiano con i diversi livelli di istruzione

In Francia, lo stipendio nell’istruzione secondaria è leggermente superiore a quello nell’istruzione preprimaria e primaria. In Repubblica Ceca, Estonia, Irlanda, Lituania, Malta, Slovacchia e Serbia, lo stipendio iniziale è lo stesso degli insegnanti della primaria e secondaria, ma tende ad essere inferiore a livello preprimario. Gli insegnanti dell’infanzia guadagnano meno anche in Danimarca. In Belgio, lo stipendio iniziale è lo stesso per la scuola materna, primaria e secondaria inferiore, mentre gli insegnanti della scuola secondaria superiore tendono a guadagnare di più.

In Spagna, Italia, Lussemburgo, Ungheria e Paesi Bassi, gli stipendi iniziali sono più alti per insegnanti della secondaria rispetto agli insegnanti della scuola materna e primaria. In Germania, Finlandia, Svezia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Svizzera, Liechtenstein, Macedonia del Nord e Norvegia, lo stipendio iniziale aumenta con il livello di istruzione.Qui di seguito potrete consultare e scaricare il rapporto completo Eurydice “Teachers’ and School Heads’ Salaries and Allowances in Europe 2018/19”.