Concorso straordinario: 'Sfida personale Azzolina, siamo ancora in tempo'

Concorso straordinario, infuria la polemica sui social in seguito ad alcune dichiarazioni rilasciate ieri sera dalla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, negli studi di TG La7.

Il direttore Enrico Mentana, in merito al fatto che la ministra avrebbe voluto fare il concorso già quest’estate, ha affermato: ‘La linea opposta era quella di non fare il concorso e stabilizziamo i precari…”Non sono precari storici’ – ha risposto Lucia Azzolina – ‘I precari storici sono quelli delle graduatorie ad esaurimento, ma non voglio entrare qui nel tecnicismo…’

Loading...

Azzolina in TV: ‘Non sono precari storici, i precari storici sono quelli delle Gae’ e scoppia la polemica

Una frase, questa, che ha scatenato la polemica sui social. ‘È inutile che vi offendete… – si legge in un commento – Ha semplicemente sottolineato che gli”storici” sono quelli in gae. Non ha detto che gli altri non lo sono…Non cambiate le carte!!’C’è, però, chi non ci sta e controbatte: ‘E gli altri? Ma non lo capite che qui dividi et impera? Cioè tutti meritiamo la stabilizzazione’.

Loading...

C’è chi riporta una nota dei Docenti Precari: ‘Riceviamo dai Docenti precari e pubblichiamo: oggi, 7 ottobre 2020, alle ore 20 30 la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ospite del TgLa7 di Enrico Mentana ha affermato che i docenti attualmente in servizio, a tempo determinato fino al 30 giugno/31 agosto e coinvolti nel concorso straordinario, non sono dei veri precari e rappresentano un servizio di dubbia qualità, paragonando questa categoria, si ricorda sempre dipendenti dello Stato, ad un cattivo medico chirurgo che nello sbagliare l’intervento sacrifica una vita umana.
Un ministro dell’Istruzione che offende e insulta suoi dipendenti in questo modo, che il giorno dopo dovranno recarsi nelle classi per insegnare, mettendo a rischio la propria salute (e dei loro cari) per tutelare i propri alunni e garantire l’Istruzione in una grave situazione epidemica, è vergognoso oltre che un insulto alla dignità del lavoro.’

E ancora la controreplica: ‘È vero che non sono storici. Ci sono stati molti concorsi e perche non li hanno fatti? O non li hanno vinti? Tra nostri colleghi sono entrati in ruolo colleghi di 27 anni di età, per cui dove sono quelli storici???’

C’è chi si chiede come mai qualcuno non voglia fare il concorso: ‘Ha ragione, basta! Ma perché non volete farlo il concorso? Vi nobilita, dovreste chiedere di farlo, non il contrario’. Ma anche qui arriva la pronta risposta: ‘Dovevamo fare un Corso Concorso, dovevamo fare un Concorso per Titoli e Meriti, non questo in piena pandemia, lo sa a Napoli quanti casi di Covid ci sono? Stanno chiudendo parrucchieri, palestre, i dati sono maggiori rispetto a quelli che riportano, non possiamo fare un Concorso ora, lo sa che quelli della Sicilia dovranno venire a Napoli? Noi insegniamo da anni, meritiamo la stabilizzazione’.