Covid19, boom contagi e nuovo DPCM in arrivo: Conte parla di 'strategia diversa e nuova'

Covid-19, aumento dei contagi senza freni e il Governo corre ai ripari. Nuovo DPCM in arrivo con nuove restrizioni: oggi alle ore 15 è in programma una riunione d’urgenza con il Comitato tecnico-scientifico. Quali saranno le nuove limitazioni che verranno introdotte, probabilmente, a partire da domani, lunedì 12 ottobre 2020? Vediamole in dettaglio.

Covid-19, nuovo DPCM in arrivo per contrastare l’aumento dei contagi

La novità più rilevante dovrebbe essere quella del divieto di tutte le feste private. Come riporta ‘Il Corriere della Sera’, il Governo sarebbe intenzionato ad impedire i contatti tra persone non conviventi ed ecco che, con tutta probabilità, verranno proibite anche le riunioni organizzate nelle case. Ai banchetti dopo matrimoni e battesimi potranno partecipare al massimo 30 persone. 

Loading...

Il Governo dovrebbe fissare alle 24 anche gli orari di chiusura di tutti i bar e ristoranti. Una questione che, come è noto, ha suscitato molte polemiche nei giorni scorsi, a motivo delle proteste delle associazioni di categoria. Il Governo, però, ritiene che si tratti di una misura utile ad abbassare le possibilità di contagio senza influire troppo sul piano del rendimento economico.

Stop a feste private e alle partite di calcetto: bar e ristoranti, chiusura alle 24

Nel nuovo DPCM, con tutta probabilità, verrà introdotto il divieto ai cittadini di sostare davanti a bar, ristoranti e pub dalle 21 alle 6, oltre a riunirsi in strade, piazze e parchi. La vendita di alcolici sarà consentita fino alle 22. L’obiettivo sarebbe quello di limitare al massimo gli assembramenti: previste sanzioni per i trasgressori, da 400 a 1000 euro, come per chi non indossa la mascherina.

Il Governo, inoltre, sta valutando di vietare le partite di calcetto, basket e gli altri sport da contatto a livello amatoriale. La misura, per il momento, non riguarda il livello professionistico anche se non si escludono provvedimenti di questo tipo se le curva epidemiologica dovesse continuare a salire.

Per quanto riguarda i trasporti pubblici, infine, verrà sollecitato un potenziamento dei controlli al fine di far rispettare le regole riguardanti il distanziamento: in molti casi, le norme che riguardano la capienza massima fino all’80 per cento, vengono violate.