Lucia Azzolina sulle regole in classe: 'Serve buon senso'
Lucia Azzolina sulle regole in classe: 'Serve buon senso'

Lucia Azzolina ha spiegato come gli alunni in classe possano scambiarsi prestare penne, matite, quaderni e altri oggetti che occorrono per il regolare svolgimento delle lezioni. L’importante, a detta del ministro dell’Istruzione, è igienizzarsi le mani. Azzolina lo ha dichiarato in un recente post sulla sua pagina Facebook in seguito all’episodio del bimbo sardo che è rimasto in classe senza svolgere alcuna attività didattica nel corso delle lezioni, in quanto aveva dimenticato l’astuccio a casa.

Lucia Azzolina: i consigli su come comportarsi in classe

Nel suo post Facebook Lucia Azzolina ha spiegato: “A scuola, come ovunque, serve buon senso. In classe si possono tranquillamente prestare astucci, pennarelli, matite, quaderni, libri, fogli. Basta igienizzarsi le mani”. Lo stesso comitato tecnico scientifico ha ricordato come non serva alcun prodotto specifico nella gestione del materiale scolastico.

A detta di Lucia Azzolina, l’importante è il rispetto delle regole sanitarie: “Lo abbiamo già ribadito e lo rifaremo ancora”. La ministra ha voluto ribadire che bisogna utilizzare il buon senso. Alla fine di settembre, come leggiamo da Orizzonte Scuola, è intervenuto il comitato tecnico scientifico che ha spiegato come non sia mai stato previsto l’uso del gel (o spray) idroalcolico per gestire il materiale didattico o cartaceo. Tale materiale può infatti essere maneggiato in maniera del tutto tranquilla, anche senza l’uso dei guanti.

La quarantena dei quaderni

Diversi istituti scolastici avevano disposto la quarantena dei quaderni con tanto dei compiti in classe degli studenti per prevenire contagi da Covid-19. Per farla breve, i quaderni dovevano essere riposti per un arco di tempo pari a due giorni all’interno di buste chiuse prima di poter essere utilizzati. In realtà questo non dovrebbe essere fatto. È possibile utilizzare tutti i materiali scolastici a patto che le mani vengano lavate o disinfettate con opportuno gel.

La querela di Azzolina a Matteo Salvini

Lucia Azzolina ha querelato il leader della Lega Matteo Salvini, poiché sarebbe stato autore di “post sessisti”. A renderlo noto il ministro dell’Istruzione nel corso di un recente intervento al programma radiofonico “Le mattine di Radio Capital” condotto da Selvaggia Lucarelli. Azzolina ha dichiarato: “Ho sporto querela nei confronti di Matteo Salvini mesi fa, perché ha fatto più post sessisti e tante volte questi sono stati rilanciati dalle donne, mi ha fatto molto male”.

Secondo Lucia Azzolina gli esponenti politici devono dare l’esempio fuori ricordando come lei stessa difese una collega di Forza Italia dagli insulti social. A detta della ministra il colore politico non ha alcuna importanza. Riguardo l’odio online nei suoi confronti, Azzolina ha spiegato: “Da quando sono diventata ministro l’odio social si è acuito molto. Un po’ tutti i giornali si sono divertiti in questi anni con me”.