Covid19, Speranza non ci sta: 'Investito per scuole sicure dalle 9 alle 13 ma poi...'
Covid19, Speranza non ci sta: 'Investito per scuole sicure dalle 9 alle 13 ma poi...'

Covid-19, in arrivo un nuovo DPCM del Governo Conte riguardante nuove limitazioni e restrizioni per contrastare l’avanzata dei contagi nel nostro Paese. Uno dei punti più controversi è quello riguardante il divieto delle feste nelle abitazioni private.

Covid-19, nuovo DPCM Governo Conte: la questione del divieto delle feste private

‘Siamo costretti a stringere le maglie dopo settimane di misure che le allargavano – ha dichiarato a questo proposito il ministro della Salute, Roberto Speranza. Bisogna operare un ‘cambio di marcia’ con l’obiettivo di ‘rimettere la curva sotto controllo e non assumere misure più dure’. 

Loading...

Speranza: ‘Investito miliardi per scuole sicure dalle 9 alle 13 ma poi dalle 17…’

Speranza ha spiegato che il ‘75% dei contagi avviene nelle relazioni familiari e di amici’: di conseguenza, si rende necessario lo stop in arrivo alle feste private (con relativi controlli), perché ‘ci sono cose essenziali, come la scuola, e altre no. Ho due figli – ha sottolineato il ministro – con venti compagni di classe ciascuno. Noi abbiamo investito miliardi di euro per rendere sicure le scuole dalle 9 alle 13. Poi però, una volta a settimana, dalle 17 c’è una festa di compleanno. Senza distanziamento, magari senza mascherine’.

Scuola, Azzolina: ‘Nessuna ipotesi di provvedimenti restrittivi’

D’altra parte, il Governo non ha alcuna intenzione di richiudere le scuole che a marzo furono le prime a fermarsi e che, invece, stavolta rappresentano la priorità: ‘Non c’è alcuna ipotesi di provvedimenti restrittivi’, ha confermato la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina – Il Governo non ne ha affatto discusso e sarebbe strano il contrario: i dati confermano che le scuole sono luoghi molto più sicuri di altri’.