Diretta premier Conte oggi 28 ottobre su ultimo Dpcm: a che ora vederla e dove
Diretta premier Conte oggi 28 ottobre su ultimo Dpcm: a che ora vederla e dove

Covid-19, contagi record quelli fatti registrare nella giornata di ieri: cresce la preoccupazione, soprattutto in Lombardia. Preoccupa soprattutto Milano con i suoi 504 positivi, 1.032 nell’intera provincia. Si sta valutando la riapertura dell’ospedale della Fiera. In totale sono stati 7.332 in 24 ore, si è superato il picco di marzo: i morti sono 43 e i tamponi effettuati 152.196 (sei volte di più).

Torna soprattutto l’incubo di un nuovo lockdown nonostante solo tre giorni fa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte avesse escluso un’altra chiusura nazionale.

Covid-19, record di contagi: ipotesi lockdown a Natale? 

Ieri, però, quando è stato chiesto al premier un commento sul possibile lockdown previsto a Natale dal virologo Andrea Crisanti, Giuseppe Conte ha risposto così: ‘Io non faccio previsioni. Io faccio previsioni sulle misure più idonee, adeguate e sostenibili per prevenire un lockdown. Molto dipenderà dal comportamento dei cittadini. Smettiamola con le polemiche e i dibattiti, la formula vincente è collaborare e rispettare le regole restrittive varate dal governo’.

Insomma, tutto dipenderà dal comportamento degli italiani, lasciando intendere che se ci sarà un nuovo lockdown a Natale, non sarà certo colpa del governo e delle eventuali nuove misure ancora più restrittive.

Scuola e trasporti, Conte: ‘Dpcm consente alle Regioni di introdurre eventuali misure restrittive’

‘La situazione non può non preoccupare – ha dichiarato Conte che ha sottolineato il rischio di non ‘avere numeri sufficienti nelle terapie intensive‘ se non si rispettano le restrizioni. Conte ha richiamato più volte il ‘senso di responsabilità’ dei cittadini e avverte: ‘È una partita in cui vinciamo o perdiamo tutti’.

Il presidente del Consiglio, poi, lancia un messaggio alle Regioni dopo le tensioni riguardanti le questioni scuola e trasporti. Ai governatori, Conte ha ricordato che il Dpcm consente loro di ‘introdurre misure restrittive non appena se ne presentasse la necessità’.