Decreto Ristori, novità in arrivo anche per la scuola
Decreto Ristori, novità in arrivo anche per la scuola

Covid-19, continua l’inarrestabile escalation di contagi in Italia e il governo corre ai ripari con nuove misure che interesseranno soprattutto la scuola e i trasporti. Così come viene riportato dal ‘Corriere della Sera‘ di giovedì 15 ottobre, il ministero dei Trasporti e quello dell’Istruzione, Regioni e Comuni intendono studiare un nuovo piano per affrontare il problema del sovraffollamento sui mezzi pubblici.

Covid-19, scuola e trasporti: nuove misure previste dal governo

Le nuove misure prevedono ingressi scaglionati per scuole e uffici. Per quanto riguarda i trasporti, più bus, tram e metrò nelle ore di punta e sulle tratte più affollate ma la capienza, però non scenderà, almeno per il momento.’L’autorizzazione è stata oggetto di un lungo approfondimento anche scientifico e si poggia su solide basi, anche rispetto ai tempi di percorrenza degli utenti sul trasporto pubblico locale’, queste le parole del ministro dei Trasporti, Paola De Micheli che ha sottolineato, inoltre, che ‘la percentuale di riempimento dell’80% viene rispettata e consente di soddisfare l’intera domanda di trasporto’.

Trasporti, più mezzi nelle ore di punta: Azzolina ribadisce il no alla DAD

Una situazione indubbiamente critica è quella riguardante il trasporto degli studenti. Il presidente dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), Antonio Decaro, ha dichiarato a questo proposito: ‘Abbiamo chiesto un maggior raccordo tra scuole e aziende di trasporto anche attraverso un coordinamento di cui gli enti locali possono farsi carico, al fine di scaglionare gli orari all’ingresso e all’uscita da scuola e aumentare i servizi sulle linee per evitare situazioni di maggior sofferenza’.

I problemi riguardano soprattutto le città più grandi e le ore di punta. La ministra De Micheli ha ribadito che gli enti locali e le aziende di trasporto hanno utilizzato tutte le possibilità previste dal decreto Agosto per potenziare e migliorare l’offerta. Il nuovo piano del governo prevede più veicoli nelle ore di punta.

Per quanto riguarda la scuola, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ancora una volta, ha alzato il muro per l’eventuale ritorno alla didattica a distanza.