MAD scuola, il paradosso delle supplenze 2020/21
MAD scuola, il paradosso delle supplenze 2020/21

Le disposizioni del Ministero dell’Istruzione per le supplenze 2020/21 da MAD (messa a disposizione) hanno qualcosa di paradossale. La nota del 5 settembre ha precisato che le MAD possono essere presentate solo da chi non è iscritto in nessuna graduatorie provinciale e di istituto.

Supplenze da messa a disposizione 2020/21 e limiti per le scuole

La scelta del Ministero di bloccare le MAD da parte dei supplenti iscritti nelle graduatorie, sta creando difficoltà a scuole e docenti. Visto che questa estate c’è stato aggiornamento delle graduatorie, in base ai numeri appare difficile trovare una domanda di messa a disposizione da parte di un supplente nelle vicinanze, non inserito in nessuna graduatoria. Quanto tempo dovranno perdere i DS per assegnare una supplenza?

Non solo le scuole hanno difficoltà a reperire supplenti, ma non è nemmeno chiaro quali siano le conseguenze per le scuole che non rispettano le indicazioni ministeriali sulle MAD.

Supplenza MAD e docenti

E che dire dei docenti supplenti? I limiti imposti sulle MAD creano difficoltà anche a molti di loro. Alcuni docenti in graduatoria, a causa della posizione occupata, potrebbero non essere chiamati per un incarico per chissà quanti mesi o anni. La MAD poteva rappresentare una speranza di lavoro.

Inoltre, come per le scuole, il Ministero non ha chiarito le conseguenze per i docenti supplenti iscritti in graduatoria, che dovessero (eventualmente) accettare un incarico da MAD.