didattica a distanza, a rischio le convocazioni per le supplenze?

L’ordinanza firmata dal governatore lombardo Fontana prevede che, a partire da lunedì 26 ottobre, tutte le scuole secondarie di secondo grado sospendano la didattica in presenza e inizino la Didattica a Distanza. Stessa sorte anche in Puglia e Lazio, oltre che in Campania, regione apripista della DAD.

Decisione questa non priva di polemiche, che sta anche destando la preoccupazione dei tanti insegnanti precari ancora in attesa di una supplenza. Il passaggio alla DAD potrebbe infatti sospendere le convocazioni per le supplenze.

Loading...

Gli uffici scolastici provinciali tacciono al riguardo e, per il momento, stanno continuando le convocazioni da GPS laddove non ancora ultimate.

Loading...

Ma dalla prossima settimana cosa accadrà? Continueranno poi le convocazioni dalle graduatorie d’istituto?

Sindaci e Azzolina contrari alla Didattica a Distanza

Molti insegnanti non si sentivano tutelati di fronte all’aumento spropositato di contagi soprattutto in Lombardia, e chiedevano già da alcune settimane il ritorno alla Didattica a Distanza. Questa soluzione però non riesce a mettere d’accordo tutti quanti.

Ad esprimere il suo dissenso è stato, in particolare, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, che non approva l’utilizzo della DAD e contesta la versione definitiva dell’ordinanza regionale, differente rispetto agli accordi raggiunti nelle ore precedenti la firma.

E ad essere contraria a questa scelta è anche il Ministro Azzolina, che in una lettera rivolta a Fontana chiede l’adozione di altre soluzioni che non contemplino la sospensione della didattica in presenza.

Intanto resta l’attesa verso una regolamentazione della Didattica Digitale Integrata.

Supplenze al tempo della Didattica a Distanza

I precari della scuola si interrogano riguardo la loro sorte. O meglio, si chiedono se, pur in regime DAD, le scuole continueranno a convocare per le supplenze dalle graduatorie d’istituto. Così come si chiedono se continueranno le assunzioni a tempo determinato da GPS da parte degli uffici scolastici provinciali.

Nessun chiarimento al momento arriva al riguardo.