Scuole chiuse? OMS: 'devono restare aperte, non sono fonte di contagio'
Scuole chiuse? OMS: 'devono restare aperte, non sono fonte di contagio'

Covid-19, secondo quanto stabilito dall’ultimo Dpcm del governo Conte, le Regioni stanno provvedendo ad emettere le nuove ordinanze contenenti le nuove disposizioni. Vediamo in dettaglio la situazione aggiornata a domenica 1° novembre, ricordando che, in ogni caso, a partire da oggi, in tutte le Regioni (anche in quelle dove non sono state emesse nuove ordinanze) dovranno essere osservate le norme contenute nell’ultimo Dpcm.

Scuole chiuse e DAD: la situazione aggiornata al 1° novembre

Nord

In Lombardia, confermata la didattica a distanza per tutte le scuole superiori a partire dal 26 ottobre; in Valle d’Aosta, dal 31 ottobre didattica a distanza al 75% flessibile. In Piemonte, dal 2 al 24 novembre, didattica a distanza al 100 per cento per tutte le scuole superiori. In Liguria, a partire dal 27 ottobre, e sino al 24 novembre, didattica a distanza al 75 per cento nelle scuole secondarie. In Veneto, didattica a distanza dal 28 ottobre al 24 novembre per almeno il 75% degli studenti delle scuole superiori. In Emilia Romagna, dal 27 ottobre e fino al 24 novembre, 75% di percentuale minima di didattica a distanza alle scuole superiori, con criteri di rotazione fra le classi o fra gli studenti all’interno delle classi.

Centro

Per la Toscana, dal 28 ottobre didattica a distanza per il 75% degli studenti delle scuole superiori. In Abruzzo, sospensione delle attività didattiche in presenza per le scuole secondarie di secondo grado con ricorso alla didattica digitale a distanza, ‘prevedendo che la didattica in presenza continui ad essere effettuata a vantaggio degli alunni a vario titolo portatori di disabilità ovvero in ragione di riconosciuta condizione di necessità’. (Ordinanza in vigore dal 28 ottobre sino al termine di vigenza del riferito Dpcm del 24 ottobre). Nelle Marche, didattica a distanza, per tutti gli studenti delle scuole superiori, a partire da martedì 3 novembre. Rimane la possibilità di svolgere in presenza le attività laboratoriali e le verifiche scritte. In Umbria è sospesa l’attività didattica nelle scuole secondarie di primo e secondo grado dal 3 al 14 novembre. Nel Lazio, dal 26 ottobre, didattica a distanza alle superiori (per il 50% degli studenti) e nelle Università (75%).

Sud

In Campania, confermata la sospensione dell’attività didattica in presenza nelle scuole primarie e secondarie fino al 31 ottobre. Da lunedì 2 novembre, e fino al 14 novembre, chiuse anche le scuole dell’infanzia. In Puglia, dal 30 ottobre al 24 novembre sospensione delle attività didattiche in presenza per le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado (scuola primaria, scuola secondaria di primo r secondo grado). In Sicilia, didattica a distanza nelle scuole superiori. Il governatore Nello Musumeci starebbe valutando per una Dad al 75% e non più al 100%.

In Basilicata, dal 2 novembre attività didattica sospesa nelle scuole secondarie di secondo grado.
In Calabria, sospensione delle attività didattiche in presenza nelle scuole secondarie di secondo grado con didattica a distanza dal 26 ottobre fino al 13 novembre; dal 14 al 24 novembre, in base ai dati relativi ai contagi, si valuterà la possibilità di consentire la didattica digitale integrata nella misura non inferiore al 75% delle attività.