Dpcm, zone rosse e arancioni: cosa si può fare e cosa no, differenze
Dpcm, zone rosse e arancioni: cosa si può fare e cosa no, differenze

Personale ATA e docenti che lavorano nella scuola si sottopongono quotidianamente ad un rischio biologico, per cui hanno diritto ad un’indennità Covid. E’ questa la sintesi della richiesta fatta da Anief al Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Ata e docenti, rischio biologico Covid-19

Personale Ata e docente ha diritto all’assegno di indennità di rischio garantito per lo stesso motivo al personale sanitario. Anief chiede di prevedere all’interno del CCNI una somma da assegnare per tale rischio, insieme all’adeguamento all’inflazione degli stipendi del personale della scuola. Per il nuovo contratto, Anief chiede da tempo non meno di 240 euro medi mensili di aumento.

La richiesta è stata presentata al ministro Azzolina nel corso dell’ultimo incontro.

Indennità Covid: quanto?

A quanto dovrebbe ammontare questa indennità Covid per docenti e ATA? Marcello Pacifico spiega:

E’ ragionevole pianificare una riapertura della contrattazione per assegnare un forfait di 10 euro al giorno a quel personale che si sottopone a rischi e stress non indifferenti, a contatto con tanti alunni, all’interno di edifici che nella metà dei casi sono stati costruiti prima del 1971, oggi in alto numero fatiscenti e in perenne ristrutturazione“.

Già nel 2011…

Nel 2011 l’INAIL nel suo documento “Il rischio biologico nei luoghi di lavoro. Schede tecnico-informative” includeva le scuole tra i cosiddetti ‘ambienti indoor’” (ambienti confinati di vita e di lavoro).