Comunicato MI su scioperi scuola: 'Sottoscritto all’ARAN l’accordo sulle norme di garanzia'

Supplenze da Graduatorie Provinciali per l’anno scolastico 2020/21 e domanda di Messa a Disposizione (MAD). Come ricorderete, la circolare annuale sulle supplenze, emessa lo scorso 5 settembre, aveva disposto il divieto, per i docenti inseriti nelle nuove GPS e nelle Graduatorie di Istituto, di poter presentare domanda di Messa a Disposizione. 

Supplenze, il Ministero dell’Istruzione ci ripensa

Una disposizione, quella del Ministero dell’Istruzione, che aveva suscitato un’ondata di polemiche, considerando soprattutto i gravi disagi incontrati all’avvio dell’anno scolastico nel reperimento dei docenti per l’attribuzione delle supplenze. Oltre a questo, i docenti inseriti nelle Graduatorie Provinciali per le Supplenze si chiedevano che cosa sarebbe accaduto qualora una scuola li avesse chiamati per un incarico di supplenza ‘da MAD’, visto che diversi di questi insegnanti avevano già provveduto, prima dell’emissione della circolare, ad inviare domanda di Messa a Disposizione.

Loading...

Dietrofront Ministero dell’Istruzione sulle supplenze da GPS e le MAD

A distanza di due mesi esatti da quella Nota, il Ministero dell’Istruzione sorprende tutti emettendo una nuova Nota in cui si legge testualmente: ‘Si ritiene che, per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e al fine di consentire alle scuole di attribuire le cattedre o le ore ancora disponibili, è possibile in via eccezionale, limitatamente all’anno scolastico in corso, procedere alla nomina attraverso le MAD dei docenti inclusi anche in GPS o in graduatorie di istituto di altre province. La nomina dell’aspirante da MAD può essere disposta esclusivamente dopo l’effettiva conclusione delle operazioni di nomina dalle GPS nell’ambito territoriale di riferimento e in quello nel quale è incluso lo stesso aspirante. È necessario altresì che siano esaurite le graduatorie di istituto della scuola interessata e delle scuole viciniori.’

Insomma, sta destando non poche perplessità questo clamoroso dietrofront del Ministero: tutto questo si sarebbe potuto evitare se si fossero ascoltati gli appelli giunti da ogni parte sulla possibilità di poter presentare domanda di MAD anche da parte di chi, inserito nelle GPS o nelle graduatorie di istituto, non aveva ricevuto incarico di supplenza.