Pensioni gennaio 2021
Disponibile online cedolino pensioni gennaio 2021

L’Inps ha comunicato ufficialmente di aver dato inizio ai caricamenti online dei cedolini relativi alle pensioni gennaio 2021. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Pensioni gennaio 2021: come consultare il cedolino

Secondo quanto reso noto dall’Inps, sono partiti i caricamenti online dei cedolini delle pensioni del mese prossimo.

Una notizia importante per tutti i pensionati che potranno, così, verificare le trattenute applicate sul proprio assegno e l’importo effettivo che spetterà loro all’inizio del nuovo anno.

Per procedere con la consultazione del cedolino, è necessario avere, innanzitutto, le credenziali di accesso da utilizzare per entrare nella propria area riservata Inps.

In particolare servirà il Pin, la carta nazionale dei servizi (CNS), la carta d’identità elettronica o, meglio ancora, lo Spid.

È bene ricordare che nel corso dei prossimi mesi i Pin ancora validi saranno rimpiazzati e, quindi, per continuare a consultare i propri cedolini, occorrerà munirsi di uno degli altri sistemi di autenticazione sopraelencati.

Una volta effettuato l’accesso nell’area riservata, basterà, poi, digitare nella barra di ricerca la voce ‘cedolino pensione’. Così facendo, si verrà indirizzati direttamente alla sezione ‘verifica pagamenti’, dove sarà possibile scegliere il cedolino di gennaio 2021.

Le stesse informazioni potranno, inoltre, essere recuperate nel cosiddetto ‘fascicolo previdenziale’.

A gennaio pagamenti anticipati

Come già ipotizzato, il pagamento della pensione di gennaio potrebbe avvenire in anticipo, sempre secondo la suddivisione per cognome, al fine di impedire la formazione di assembramenti.

In linea di massima, i ritiri potrebbero cominciare lunedì 28 dicembre per i pensionati i cui cognomi iniziano con le lettere A-B, per poi proseguire in ordine alfabetico fino al 4 o 5 gennaio.

Questo discorso, però, varrebbe soltanto per chi ritira la pensione presso gli uffici postali.

Chi riceve, invece, la pensione presso gli istituti bancari dovrà attendere fino al primo giorno bancabile del mese, vale a dire lunedì 4 gennaio.