PCI: 'Riapertura della scuola in Sicilia: un rischioso gioco propagandistico'

Riceviamo e pubblichiamo comunicato inviatoci dall’Ufficio Stampa dell’onorevole Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del Partito Comunista Italiano.

Cangemi (PCI): il googledown della scuola italiana apra una riflessione

I tanti schermi della didattica digitale ammutoliti dal googledown ci spiegano forse meglio di tante circolari ministeriali la situazione complessa in cui oggi si trova la scuola e ci obbligano ad aprire una riflessione critica – ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI.
Quegli schermi neri ci spiegano la fragilità di un sistema che si ritiene onnipotente e sollecitano preoccupazioni ulteriori, finora colpevolmente archiviate (a partire dalla gestione di una massa enorme di dati personali).
Colpevole e inaccettabile è, innanzitutto, la perdurante assenza di una piattaforma pubblica e nazionale, un’esigenza fondamentale rispetto alla quale un ministero così prodigo di retorica digitale e tecnologica ha saputo solo produrre commissioni di studio.
È dunque necessaria una svolta culturale e politica nelle scelte per la scuola. Una scuola che consegna le proprie linee di trasmissione del sapere all’arena selvaggia della speculazione internazionale non è la scuola che serve al paese. Abbiamo bisogno di istituzioni formative capaci di un uso critico, consapevole e democratico di ogni tecnologia, e dobbiamo lottare per conquistarle. – Ha concluso Cangemi