Nuovo DPCM, mezza Italia potrebbe finire in zona arancione

Covid, il governo varerà tra oggi, mercoledì 16 e domani giovedì 17, il decreto che dovrebbe andare a modificare le regole per gli spostamenti e le chiusure a Natale

Covid, governo verso zona rossa: ecco in quali giorni

L’ipotesi più prevedibile, al momento, è quella della linea dura: secondo quanto riporta il quotidiano ‘Repubblica’ di oggi, mercoledì 16 dicembre 2020, il governo starebbe pensando a una zona rossa per i giorni di Natale, Santo Stefano, Capodanno, Befana e nelle due domeniche del 27 dicembre e 3 gennaio. Zona arancione, invece, nei prefestivi. 

L’unica alternativa ancora possibile sembrerebbe quella di una zona rossa dal 24 dicembre al primo gennaio. 

Governo allarmato dai numeri delle vittime

L’allarme per gli ultimi dati relativi ai contagi Covid suggerisce al governo una presa di posizione particolarmente decisa. Il numero che preoccupa l’esecutivo è 0,5. Se entro il prossimo 20 gennaio l’indice Rt non scenderà sotto questa fatidica soglia, l’Italia sarà costretta a sottostare a misure durissime per evitare il peggio. 

Conte sarebbe più propenso a zona arancione, pressing del PD per linea dura

Il premier Giuseppe Conte continua a non volere un vero e proprio lockdown ma una limitazione a una zona arancione per l’intero Paese. Il Partito democratico, però, è in pressing, come il ministro della Salute Roberto Speranza e anche il Movimento: l’obiettivo è quello di vietare i movimenti ingiustificati da ragioni di necessità.

L’unica deroga, forse, potrebbe essere rappresentata dalle cerimonie religiose del 25. Lo stop totale produrrebbe la chiusura di ristoranti e bar.

La zona arancione nei prefestivi, invece, potrebbe salvaguardare lo shopping last minute, come vorrebbe il premier, assicurando gli spostamenti nei comuni e la messa della vigilia entro le 22. Nelle prossime ore, la decisione del governo: sarà, comunque, un Natale diverso.