Caos Legge di Bilancio 2021 e cuneo fiscale: è già da correggere?
Caos Legge di Bilancio 2021 e cuneo fiscale: è già da correggere?

Il Disegno di Legge di Bilancio 2021 prende forma e oggi 22 dicembre alle ore 9 sarà in Aula per l’approvazione finale. Dopo è previsto il passaggio al Senato dove, per mancanza di tempo, si prevede un voto sul documento praticamente “blindato”.

Legge di Bilancio 2021 ed emendamenti scuola: le novità

In questa Legge di Bilancio vi sono diverse novità per la scuola, alcune delle quali approvate per mezzo di emendamenti. Le novità (se saranno tutte approvate in via definitiva) sono:

  • Scuole innovative nei piccoli comuni delle regioni meridionali (Articolo 34-bis), con popolazione inferiore a 5.000 abitanti (Abruzzo, Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna).
  • Sistema duale (Articolo 53) : aumento da 50 a 55 mln di euro delle risorse destinate ai percorsi formativi di apprendistato e di alternanza scuola-lavoro per il 2021, e conferma di 50 mln di euro per il 2022.
  • Incremento del Fondo per l’istruzione e la formazione tecnica superiore (Articolo 53-bis): aumento di € 20 mln per il 2021.
  • Lavoratori fragili (Articolo 81-bis): estensione al periodo dal 1° gennaio 2021 al 28 febbraio 2021 dell’applicazione delle disposizioni a loro favore (articolo 26, commi 2 e 2-bis, del D.L. 17 marzo).
  • Interventi per prevenire gli effetti dell’emergenza sanitaria sulla povertà educativa (Articolo 86-bis): programma nazionale annuale di ricerca e interventi sul contrasto alla povertà educativa.
  • Fondo per l’attivazione nei licei musicali di corsi extracurriculari di jazz e nei nuovi linguaggi musicali (Articolo 86-bis): la dotazione è di € 3 mln annui a decorrere dal 2021.
  • Contributi alle scuole paritarie che accolgono alunni disabili (Articolo 87-bis): rifinanziamento da 70 milioni di euro per il 2021, del contributo alle scuole paritarie che accolgono alunni con disabilità.
  • Kit digitalizzazione (art. 105-bis): concessione a famiglie a basso reddito, di un dispositivo mobile in comodato gratuito dotato di connettività per un anno o bonus di valore equivalente per famiglie con un reddito ISEE non superiore a 20.000 euro.
  • Collocazione personale ex LSU soprannumerario dopo la prima fase assunzionale (Articolo 165, comma 5-bis): graduatoria nazionale, formulata sulla base del punteggio già acquisito, per l’assegnazione dei posti disponibili. Successivamente a questa procedura sono autorizzate le assunzioni per la copertura dei posti che si sono resi nuovamente disponibili.
  • Assistenti Tecnici per le scuole dell’Infanzia e del primo ciclo (Articolo 165, commi 7): stabilizzare 1.000 assistenti tecnici destinati al primo ciclo.
  • Concorso per posti di sostegno (Articolo 165, comma12-bis): bando di procedure selettive, su base regionale, per l’accesso in ruolo su posto di sostegno.
  • Scuola italiana all’estero (Articolo 165 – comma 12-bis e 12-ter): si prevede di raddoppiare il personale in comando dal Ministero dell’Istruzione e di trasferire maggiori poteri al MAECI intervenendo direttamente sul D.lgs 64/2017 in merito ai comandi annuali.

Esami di Stato

  • Esami di Stato (Articolo 86): stanziamento di 30 mln di euro per il 2021 per consentire esami di Stato nelle scuole statali e paritarie secondo gli standard di sicurezza sanitaria e affidamento al Ministro dell’istruzione della possibilità di adottare specifiche misure tramite ordinanze per la valutazione degli apprendimenti e per  lo svolgimento degli esami di stato, nelle modalità previste per l’a.s. 2019/2020.

Novità per DS e DSGA

  • Fondo per i Dirigenti Scolastici (Articolo 165, commi da 12-bis a 12-ter): servirà ad evitare la restituzione delle retribuzioni erogate ai dirigenti scolastici nell’a.s. 2019/2020, in conseguenza dell’ultrattività riconosciuta ai contratti integrativi  regionali relativi all’a.s. 2016/2017.
  • Concorso per Direttore dei servizi generali e amministrativi nelle scuole bandito nel 2018 (Articolo 165, commi 11-bis e 11-ter): eliminato il limite di idonei da inserire in graduatoria nel concorso.
  • Attribuzione alle scuole di dirigenti scolastici e direttori dei servizi generali e amministrativi (Articolo 165, commi 12-bis e 12-ter): rivisti per il solo anno scolastico 2021/2022 i parametri. Ridotti da 600 a 500 il numero minimo di alunni (ovvero da 400 a 300 alunni per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche) necessario per l’attribuzione alle istituzioni scolastiche di un dirigente scolastico e di un direttore dei servizi generali e amministrativi titolari.