Riapertura scuole, Regioni chiedono al governo DPCM ad hoc
Riapertura scuole, Regioni chiedono al governo DPCM ad hoc

Nuovo DPCM governo Conte in arrivo a metà mese, in considerazione del fatto che l’ultimo DPCM andrà in scadenza il prossimo 15 gennaio 2021. Per oggi, 9 gennaio, e per domani, giorno 10, l’Italia sarà ancora sotto un unico colore, quello arancione, con divieto di spostamento fra regioni: i bar e i ristoranti resteranno aperti solamente per l’asporto e le consegne. Consentite le visite a parenti o amici solo all’interno del proprio Comune. 

DPCM dal 16 gennaio, tra le ipotesi anche quella di un ulteriore rinvio della riapertura delle scuole superiori

Dall’11 al 15 gennaio, cambierà nuovamente questo scenario: infatti, la zona arancione resterà per 5 Regioni ovvero Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto, mentre le altre Regioni saranno collocate in una fascia gialla “rafforzata” (Si veda il presenta articolo per il significato di zona ‘gialla rafforzata’).

Dal 16 gennaio, invece, entrerà in vigore il nuovo DPCM: come sottolineato da SkyTG24, fra le ipotesi che verranno prese in considerazione, anche quella del possibile rinvio all’1 febbraio del rientro a scuola in presenza per le superiori di secondo grado. Occorre, infatti, considerare che, ad oggi 9 gennaio, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Calabria, Basilicata, Sardegna e Sicilia hanno già provveduto, tramite ordinanze, a posticipare il rientro degli studenti delle scuole superiori ad inizio febbraio.

Nuovo DPCM, Boccia convoca Regioni lunedì 11 gennaio

Intanto, il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia ha provveduto a convocare per lunedì mattina, 11 gennaio, una riunione con Regioni, Anci e Upi: all’ordine del giorno, naturalmente, le misure restrittive per il nuovo DPCM che entrerà in vigore il 16 gennaio. All’incontro, in programma alle ore 10.30, parteciperà in video conferenza anche il ministro della Salute Roberto Speranza.