Scuola, Nota Ministero Istruzione: misure per la Didattica Digitale Integrata

Didattica Digitale Integrata, il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato, in data 28 gennaio 2021, la Nota N. 1083 avente come oggetto ‘Misure per la didattica digitale integrata. Articolo 21 del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176. Decreto del Ministro dell’istruzione 2 novembre 2020, n. 155. Ulteriori indicazioni operative.’ 

Nota Ministero Istruzione N. 1083 del 28 gennaio 2021 su misure Didattica Digitale Integrata

Nella Nota viene citato l’articolo 21 del decreto legge 28 ottobre 2020, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176, dove si dispone un finanziamento aggiuntivo di 85 milioni di euro finalizzato all’acquisto di dispositivi e strumenti digitali individuali per la fruizione delle attività di didattica digitale integrata, da concedere in comodato d’uso alle studentesse e agli studenti meno abbienti, anche nel rispetto dei criteri di accessibilità per le persone con disabilità, nonché per l’utilizzo delle piattaforme digitali per l’apprendimento a distanza e per la necessaria connettività di rete. 

Con decreto del Ministro dell’istruzione 2 novembre 2020, n. 155, si è proceduto all’assegnazione dei contributi alle singole istituzioni scolastiche, che sono stati erogati interamente in acconto. 

La citata nota prot. n. 33100/2020 ha ricordato, altresì, sia l’obbligatorietà dell’acquisizione del Codice Unico di Progetto (CUP), per il quale il portale OpenCUP ha previsto uno specifico template per facilitare la generazione, la cui guida è disponibile sullo stesso portale, sia le relative tipologie di spesa, suddivise in tre macrotipologie: 

1) dispositivi e strumenti digitali individuali per la fruizione delle attività di didattica digitale integrata, da concedere in comodato d’uso alle studentesse e agli studenti meno abbienti, anche nel rispetto dei criteri di accessibilità per le persone con disabilità; si precisa che in tale categoria rientrano sia i dispositivi utili per attivare la didattica digitale integrata in modalità “mista” (in classe e a distanza) sia i dispositivi digitali individuali; Ministero dell’Istruzione Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per i fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale 

2) piattaforme digitali per l’apprendimento a distanza, anche attraverso pagamenti di canoni necessari per la loro piena fruizione; 

3) connettività di rete, tramite acquisto di SIM con traffico dati, dispositivi per la connettività mobile (router/internet keys), attivazione/aggiornamenti (upgrade) di abbonamenti per la connettività fissa del plesso scolastico, necessaria ai fini della didattica digitale integrata, che prevedano la fruizione della velocità massima di connessione disponibile sul territorio in cui è collocato il plesso, compresi gli eventuali apparati necessari per il potenziamento della connettività. 

Si ricorda che l’ammissibilità delle spese decorre dal 5 novembre 2020. I termini per la conclusione delle attività sono così definiti: – data ultima di impegno delle risorse tramite assunzione di obbligazioni giuridicamente perfezionate: 31 maggio 2021; – data ultima di conclusione delle attività e di invio al Ministero dell’istruzione della documentazione amministrativa e della rendicontazione, completa dei relativi collaudi e della validazione dei revisori dei conti, tramite apposito applicativo, attivato da marzo 2021, presente sulla piattaforma “PNSD – Gestione Azioni”: 25 ottobre 2021. 

Con successiva nota saranno fornite le istruzioni operative per la rendicontazione e la relativa guida per l’utilizzo dell’applicativo. Si precisa, infine, che su tali risorse, assegnate ai sensi dell’articolo 21 del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, per la didattica digitale integrata, non si applica, allo stato, alcuna disposizione di restituzione. I termini e le modalità delle restituzioni delle risorse non utilizzate saranno oggetto di successiva comunicazione. Si ricorda, infine, che eventuali richieste di chiarimento dovranno essere inviate esclusivamente tramite applicativo utilizzando la funzione “Le tue richieste” presente nell’area riservata del portale ministeriale nella sezione “PNSD – Gestione Azioni”. 

Qui sotto potrete trovare il testo integrale della Nota ministeriale del 28 gennaio 2021.