Azzolina: incertezze sul successore, potrebbe essere una figura tecnica
Azzolina: incertezze sul successore, potrebbe essere una figura tecnica

Incertezze sul possibile sostituto di Lucia Azzolina a viale Trastevere. Alcune voci identificherebbero Patrizio Bianchi come nuovo ministro dell’Istruzione. Quanto c’è di vero in queste ipotesi? È possibile che a prendere il posto della pentastellata uscente sia una figura tecnica. È tutto ancora da vedere ovviamente.

Per ora il diretto interessato Patrizio Bianchi ha preferito non commentare sull’argomento, almeno non in maniera esplicita. Ci sono perplessità sul nuovo governo Draghi e ci si chiede se sarà simile a quello che gli italiani conobbero con Mario Monti circa dieci anni fa. Ipotesi alternativa è che esso sarà una sorta di “replay” del governo Ciampi, ovvero, un mix di politici e tecnici che collaborano.

Bianchi a viale Trastevere?

Nella nostra introduzione abbiamo detto come sia probabile (ma non sicuro) che a sostituire Lucia Azzolina sarà una figura tecnica. Patrizio Bianchi, in effetti, ha un’esperienza molto attinente: stiamo parlando, del resto, del coordinatore della task force di esperti che hanno pianificato il rientro a scuola. Contattato da Orizzonte Scuola, il professor Bianchi ha preferito non dire nulla circa i rumor che lo vorrebbero come nuovo ministro dell’Istruzione, limitandosi a commentare: “In questo momento è importante lasciar lavorare Mario Draghi”.

Azzolina: come sarà la maturità dopo il suo addio?

Iniziate le consultazioni del premier incaricato Mario Draghi per formare un nuovo governo dopo quello Conte. Dopo il mandato esplorativo di Roberto Fico non andato a buon fine, l’esperienza di Lucia Azzolina a viale Trastevere può definirsi terminata.

Cosa aspetta dunque agli studenti delle superiori giunti all’ultimo anno? Ebbene, riguardo alla maturità 2021, l’ordinanza della seconda prova doveva essere resa nota entro la fine dello scorso gennaio, ma così non è stato. Secondo le informazioni date da ‘Il Sole 24 ore’, le intenzioni di Lucia Azzolina erano replicare quanto attuato nel 2020 con maxi orale con l’assegnazione di quaranta punti, mentre i rimanenti da assegnare a seconda del curriculum di ogni singolo studente riguardante l’ultimo triennio di studi. Tuttavia, un nuovo governo sta prendendo piede e al momento regna l’assoluta incertezza.