Personale Ata, graduatorie terza fascia
Graduatorie ATA terza fascia

Graduatorie III fascia ATA 2021: i tempi per la presentazione della domanda di aggiornamento o inserimento potrebbero essere modificati. Nel dare il suo parere sulla bozza di decreto, il CSPI ha fatto alcuni rilievi. Tra questi c’è l’allungamento del periodo per presentar domanda.

Domanda Graduatorie III fascia ATA: 45 gg

Il parere rilasciato dal CSPI sulla bozza di decreto per l’aggiornamento delle graduatorie di terza fascia ATA 2021, riporta:

“Al fine di conciliare l’efficacia delle operazioni con il lavoro corrente, aggravato e complicato dalle condizioni sanitarie generali del paese, il CSPI rileva la necessità di prevedere un periodo di almeno 45 giorni per l’invio delle domande.

Occorre evitare, inoltre, la sovrapposizione di ulteriori adempimenti di carattere nazionale per il personale della scuola. Per garantire il buon
funzionamento delle attività durante lo svolgimento dell’anno scolastico e assicurare la continuità del servizio, il CSPI ritiene opportuna una adeguata riflessione sul concreto rischio che le nuove graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia non possano essere pubblicate entro il 31 agosto
2021
.”

Regolamento delle supplenze da rivedere

Un’altra questione importantissima trattata dal CSPI è la necessità di aggiornare il Regolamento delle supplenze.

“Si coglie l’occasione per evidenziare che il Regolamento risale all’anno duemila e che da tempo ormai reclama un’adeguata rivalutazione, essendo intervenuti in questo lasso lunghissimo di tempo molti cambiamenti e innovazioni che hanno riguardato la scuola in generale e la professione ATA in particolare e che incidono ora significativamente nella gestione dell’intera operazione.

Emerge, infatti, la necessità di semplificazione nei contenuti e nelle procedure di compilazione dovendosi eliminare o ridimensionare alcune voci da valutare, dovendosene prevedere altre, dovendosi, altresì, individuare modalità di formulazione che siano rapide e precise per superare l’enorme contenzioso che solitamente si genera a partire dalla loro
compilazione.

A tale scopo dovrebbe essere presa in considerazione una più omogenea modalità di distribuzione dei carichi di lavoro con il conseguente e coerente potenziamento degli organici e la riqualificazione e valorizzazione del personale. Ciò velocizzerebbe la gestione e raggiungerebbe lo scopo di avere a disposizione le nuove graduatorie in tempo utile per l’inizio dell’anno scolastico 2021/22″.

Come già detto, il CSPI ha chiesto anche alcune integrazioni alla tabella titoli.