Nuova mappa colori dal 26 aprile, torna la zona gialla: situazione aggiornata Regione per Regione
Nuova mappa colori dal 26 aprile, torna la zona gialla: situazione aggiornata Regione per Regione

Sono attesi per oggi, venerdì 26 marzo 2021, i nuovi dati relativi al monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità in base ai quali il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà le eventuali ordinanze relative ai ‘cambi di colore’ delle Regioni.

Nuova mappa colori dal 29 marzo: il Nord si colora quasi interamente di rosso

Il Nord si colorerà di rosso sino al prossimo 12 aprile: Piemonte, Lombardia, Friuli ed Emilia Romagna saranno confermate in zona rossa. La Valle d’Aosta dovrebbe passare nella fascia più restrittiva già da domani mentre la posizione del Veneto è in bilico: secondo i primi calcoli, l’indice Rt è a 1,22, quindi ancora da zona arancione ma l’incidenza dei contagi sarebbe salita a 254 ogni 100mila abitanti, quanto basta per far scattare automaticamente la zona rossa. Al Nord l’unica striscia arancione sarebbe rappresentata dalla Liguria

Centro

Per quanto riguarda le Regioni del centro, il Lazio si starebbe avviando verso la zona arancione con un valore Rt a 0,99 e una riduzione nel numero dei focolai. Il governatore Nicola Zingaretti ha annunciato che, qualora dovesse essere confermato il passaggio in arancione, da lunedì 29 marzo ripartirebbe la scuola in presenza per ‘asili, elementari e medie. Dopo Pasqua potranno riaprire le superiori, garantendo agli studenti di fare il tampone rapido gratuito e senza certificato medico in tutti i drive in della regione’, scrive Zingaretti su Facebook. 

Toscana in zona rossa? “Direi proprio di no: siamo a 248 nuovi casi di coronavirus su 100mila abitanti, e abbiamo un Rt di 1,09-1,10, quindi siamo in zona arancione”, replica Eugenio Giani, governatore della Toscana, che ‘scommette’ sulla permanenza della regione in zona arancione, con regole e misure meno restrittive rispetto ai divieti che scatterebbero con l’ingresso in zona rossa. 1.518 i contagi e 22 i morti registrati oggi nella Regione. Marche confermata in zona rossa mentre le altre Regioni resterebbero in zona arancione, Toscana compresa. Il governatore della Regione, Eugenio Giani, ha allontanato l’ipotesi: “Siamo a 248 nuovi casi di coronavirus su 100mila abitanti, e abbiamo un Rt di 1,09-1,10, quindi siamo in zona arancione”.

Sud e isole

Al Sud e nelle isole non dovrebbero esserci variazioni con Puglia e Campania ancora in rosso e le altre regioni in arancione. Intanto, all’interno del governo, continua lo scontro tra i ‘rigoristi’ che vorrebbero una proroga delle misure attualmente in vigore (ovvero solo zone rosse e arancioni) sino al prossimo 1° maggio e gli ‘aperturisti’ che, invece, vorrebbero il ritorno alle tre fasce, dunque, il ripristino della zona gialla.