Mobilità 2021/22, docenti e ATA
Mobilità docenti e ATA 2021/22, tutte le date: quando la pubblicazione dei movimenti?

In relazione alla mobilità docenti assunti dalle Graduatorie di Merito del concorso 2018 per la scuola secondaria (cosiddetto FIT), occorre precisare che il vincolo a cui sono sottoposti presenta sostanziali differenze rispetto ai colleghi neo immessi in ruolo dall’anno scolastico 2020/21.

Docenti FIT immessi in ruolo nell’anno scolastico 2019/20, vincolo quinquennale

I docenti neo immessi in ruolo nel 2019/20 deve rimanere presso l’istituzione scolastica di immissione in ruolo, nel medesimo tipo di posto e cdc, per almeno altri 4 anni, salvo i casi di sovrannumero o esubero o applicazione dell’articolo 33, commi 5 o 6, della legge N. 104/92, limitatamente a fatti sopravvenuti successivamente al termine di presentazione delle istanze per il relativo concorso.

Il vincolo, quindi, non si applica a chi possiede una certificazione di disabilità grave, certificata dopo la presentazione delle domande per la partecipazione al concorso e a chi assiste un familiare disabile in condizione di gravità, sempre che la certificazione sia postuma rispetto alla presentazione delle domande per la partecipazione al concorso. 

Pertanto, il personale docente che si trova nelle condizioni indicate al comma 3 dell’articolo 13 del DL N. 59 del 13 aprile 2017, come modificato dalla legge N. 145 articolo 1, comma 792, lettera m), 3) del 30 dicembre 2018 meglio nota come Legge finanziaria 2019, è soggetto al vincolo di permanenza per 5 anni: sono compresi coloro che sono individuati con DM 631/19 e immessi in ruolo con decorrenza giuridica ed economica dal 2019/20.

Docenti FIT immessi in ruolo nell’anno scolastico 2018/19, vincolo quinquennale

Ai docenti avviati al percorso triennale FIT nell’anno scolastico 2018/9 continuano ad applicarsi le disposizione preesistenti, secondo quanto indicato dal comma 795 dell’articolo 1 della sopra riportata legge N. 145 del 30 dicembre.

Il vincolo quinquennale, pertanto, non si applica ai docenti immessi in ruolo nell’anno scolastico 2018/9 in quanto introdotto successivamente con la Legge 145/2018 (Legge di bilancio 2019). A questi docenti, di conseguenza, è consentito presentare domanda di mobilità volontaria.