Piano scuola estate, i docenti non ci stanno: 'Proposta inaccettabile'

Scuola, cambia tutto per quanto riguarda i vaccini al personale scolastico. Stop a chi non ha ancora ricevuto la prima dose, anche se era già prenotato: chi, invece, è in attesa del richiamo potrà ricevere la seconda dose. 

Stop a vaccini personale scolastico, niente prima dose a docenti e personale ATA

Nell’incontro con le Regioni, il commissario per l’emergenza Covid, Francesco Figliuolo, ha spiegato le ragioni che hanno portato a questo cambiamento di strategia secondo quanto disposto dall’ordinanza da lui firmata: ‘Un professore di 29 anni, non ancora vaccinato, non è più in categoria prioritaria – ha spiegato il generale Figliuolo – deve aspettare che prima vengano immunizzati gli anziani, i fragili e quelli un po’ meno anziani. Se era già stato prenotato, l’appuntamento va cancellato’. 

Docenti e personale ATA che non hanno ricevuto ancora la prima dose dovranno aspettare, per ora, il loro turno in base all’età. Quanti sono? Le stime parlano di almeno 1 milione e duecentomila lavoratori della scuola, tra insegnanti e personale scolastico, circa il 30 per cento: certamente un numero considerevole, considerando che, da domani, 12 aprile, tornano in presenza un altro buon numero di studenti. Saranno quasi 6,6 milioni gli alunni presenti a scuola sugli 8,5 milioni delle scuole statali e paritarie, 8 su 10.

Giannelli (ANP): ‘Illogico fermare campagna vaccinale personale scolastico, docenti non sono dei privilegiati’

Il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, Antonello Giannelli, è fortemente contrario a quanto disposto dall’ordinanza Figliuolo: ‘Fermare la campagna vaccinale per il personale scolastico è un provvedimento illogico. Siamo pronti a protestare con tutto il nostri dissenso: i docenti non sono dei privilegiati. Devono rientrare nelle categorie a rischio perché ogni giorno incontrano anche oltre 100 studenti diversi: possono diventare un facile veicolo di virus. Sarebbe assurdo – conclude Giannelli – non metterli in sicurezza’.