Immissioni in ruolo docenti precari 2021/22, si accelera con il Patto per la scuola

La stabilizzazione dei docenti precari resta una delle questioni più importanti da affrontare in vista dell’avvio del prossimo anno scolastico 2021/22: già lo scorso anno, in piena emergenza Covid, sono state più di 200mila le supplenze con le operazioni di nomina che si sono protratte sino a gennaio. Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, si è posto come obiettivo la copertura totale delle cattedre a settembre ma i numeri sono impietosi.

Stabilizzazione docenti precari, Flc-Cgil: ‘Nuovo settembre nero per la scuola?’

Flc-Cgil, senza mezzi termini, ipotizza un ‘settembre nero’ per la scuola pubblica italiana. I dati forniti dallo stesso ministero dell’Istruzione e riguardanti le cattedre vacanti al 1° settembre 2021, sono emblematici.
I posti vacanti saranno più di quelli dell’anno scorso e a questi si dovranno aggiungere i pensionamenti, i 5mila posti su sostegno e i 1000 posti della scuola dell’infanzia che aumentano l’organico di diritto dal 1° settembre. 

Tabella posti vacanti e da coprire al 1° settembre

I soli posti vacanti, secondo quanto riporta Flc-Cgil, saranno 107.424, ai quali si dovranno aggiungere le deroghe su sostegno (77.600 quest’anno) e altri 14.142 posti di organico di fatto. Infine, se il Ministero dell’Istruzione confermerà i posti del cosiddetto organico Covid (come del resto già preannunciato) si arriverebbe ad un numero record di 240mila supplenze.

Qui sotto riportiamo la tabella regionale dei posti vacanti e da coprire.