Covid, nuova mappa colori Regioni dal 10 maggio: cosa potrebbe cambiare
Covid, nuova mappa colori Regioni dal 10 maggio: cosa potrebbe cambiare

Covid-19, nuova mappa colori da lunedì 26 aprile secondo i dati dell’ultimo monitoraggio ISS che saranno resi noti nella giornata di oggi, venerdì 23 aprile. Il nuovo decreto del governo Draghi è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale: sono state indicate le regole per le riaperture e il calendario. Tornano anche le ‘zone gialle‘: cresce l’attesa per conoscere quali Regioni potranno essere subito collocate nella fascia con minori restrizioni. Vediamo qual è l’attuale situazione aggiornata a venerdì 23 aprile.

Covid, nuova mappa colori dal 26 aprile: ecco le Regioni che potrebbero tornare ‘gialle’ (aggiornamento 23 aprile)

Potrebbero essere 11 le Regioni (oltre alle provincie di Trento e Bolzano) che potrebbero passare dalla zona arancione a quella gialla. Per l’esattezza, i territori che presentano, al momento, un Rt inferiore all’1 e un rischio basso o moderato compatibile con uno scenario di tipo 1 sono i seguenti:

  • Abruzzo 
  • Emilia Romagna 
  • Friuli Venezia Giulia 
  • Lazio (il governatore Zingaretti ha già confermato passaggio in zona gialla)
  • Liguria (anche il governatore della Regione, Giovanni Toti, ha annunciato il ritorno in zona gialla)
  • Lombardia 
  • Marche 
  • Molise 
  • Piemonte 
  • Umbria 
  • Veneto 
  • Province autonome di Trento e Bolzano 

Zona arancione

In zona arancione resterebbero, invece, al momento, le seguenti Regioni:

  • Calabria
  • Sicilia
  • Basilicata (probabile una permanenza in zona arancione)
  • Campania (l’Rt è in aumento, rischia di tornare nuovamente in zona rossa)
  • Toscana (la regione, però, potrebbe passare in zona gialla)

Zona rossa

In zona rossa, per ora, resterebbero:

  • Puglia (difficile il ritorno in zona arancione, l’incidenza dei casi è ancora alta, 239 su 100mila abitanti)
  • Sardegna
  • Valle d’Aosta.