DL Sostegni Bis, Pittoni 'vede' intesa politica costruttiva per Decreto Scuola ad hoc

Stabilizzazione docenti precari, il Consiglio dei Ministri ha dato il proprio OK al testo riguardante il Decreto Sostegni Bis, un provvedimento che contiene diverse novità per la scuola, anche e soprattutto per quanto concerne il reclutamento. Il ministro dell’Istruzione Bianchi, inoltre, ha firmato con i sindacati il ‘Patto per la scuola‘. Le nuove disposizioni, riguardanti la stabilizzazione dei precari, contenute nel Decreto Sostegni Bis finiscono per scontentare sia il Movimento 5 Stelle che la Lega. Emblematico il commento del vicepresidente della Commissione Cultura al Senato, Mario Pittoni.

Stabilizzazione docenti precari, il commento di Mario Pittoni sui contenuti scuola Decreto Sostegni Bis

In merito alle immissioni in ruolo, il responsabile scuola della Lega ha sottolineato come il documento non preveda alcuna nuova procedura di assunzione in ruolo al 1° settembre: ‘C’è solo lo scorrimento delle graduatorie di merito e una “strana” assunzione a tempo determinato (ancora una volta in spregio alla lettera e allo spirito delle indicazioni dell’Ue) che può portare al ruolo, ma solo una volta superata – al termina dell’anno scolastico – una specifica prova selettiva da tenere con una commissione esterna, che di fatto è un altro concorso straordinario.’

Concorsi

Per quanto riguarda i concorsi, quello ‘ordinario – sottolinea Pittoni – ha un percorso inverso rispetto all’ultimo straordinario, che aveva visto convertire lo scritto (sempre computer based) da quesiti a risposta chiusa multipla a quesiti a risposta aperta. L’ordinario si trasforma ora da risposta aperta a risposta chiusa multipla: 50 domande in 60 minuti, comprese quelle di inglese e informatica. Praticamente il nozionismo spicciolo più esasperato, che non solo conferisce il ruolo, ma addirittura “l’abilitazione all’esercizio della professione docente”, senza alcuna particolare formazione.

Ultima chicca – dichiara il vicepresidente della Commissione Cultura al Senato – è il concorso “last minute” dedicato a sole quattro classi di concorso del settore scientifico. In pratica si bloccano o, comunque, si appesantiscono le delicate operazioni di avvio del nuovo anno scolastico per lo “sfizio” ideologico di un concorsino veloce a ferragosto, invece dell’assunzione a luglio di precari abilitati o qualificati da anni di esperienza.’

Vincolo quinquennale e sostegno

Per quanto concerne il vincolo quinquennale, questo passa da 5 a 3 anni, ‘ma le assegnazioni provvisorie – sottolinea Pittoni – restano bloccate per il triennio. In piena crisi pandemica, quindi, si continua a vietare la possibile ricongiunzione delle famiglie. ‘Inoltre, ‘non c’è un solo posto aggiunto né per il sostegno né di tipologia comune.’
‘Avevamo individuato – ricorda il senatore della Lega – 16 diverse situazioni dei docenti e suggerito, caso per caso, la possibile soluzione di casi che complessivamente coinvolgono centinaia di migliaia di insegnanti. Nessuna risposta concreta. Daremo battaglia’.