Concorso Stem, docenti seconda fascia GPS: 'Bloccatelo'

Le novità sulla scuola contenute nel corposo Decreto Sostegni Bis non sono state certamente accolte con entusiasmo, sorpattutto da una larga fetta di docenti. Il governo, di fatto, ha promesso un piano assunzionale di 70mila docenti ma sono soprattutto i criteri e i requisiti per le prossime immissioni in ruolo a far discutere.

Piano assunzioni per 70mila docenti: come?

Oltre la metà delle nuove assunzioni (49mila) arriveranno dal consueto scorrimento delle Graduatorie ad Esaurimento e delle vecchie graduatorie di merito concorsuali, oltre che dal concorso straordinario: a queste si devono aggiungere i tremila del mini concorso ‘rapido’ sulle materie Stem. A questi si aggiungeranno i 18.500 docenti inseriti in prima fascia GPS (Graduatorie Provinciali per le Supplenze) con almeno tre anni di servizio: la loro assunzione non sarà, però, ‘immediata’ in quanto sottoscriveranno un contratto di un anno al termine del quale saranno chiamati a sostenere una prova disciplinare che garantirà loro (finalmente) l’assunzione a tempo indeterminato.

Flc-Cgil ha parlato di ‘operazione mediatica tesa a confondere i lavoratori’. Il sindacato ha sottolineato come le assunzioni dei precari siano riservate alla prima fascia: ‘noi chiediamo di estendere alla seconda fascia’. Inoltre, Flc-Cgil, in merito alla prima fascia, ritiene che il requisito dei tre anni vada rimosso, ‘perché serve solo a ridurre le assunzioni’.

La rabbia dei docenti esclusi

Sui social, i docenti esclusi stanno vivacemente contestando la normativa che dovrebbe essere introdotta con il Decreto Sostegni Bis, una normativa che, però, giova ricordarlo, potrebbe essere ancora modificata in Parlamento, in sede di conversione in legge del Decreto.

Molti insegnanti hanno puntato il dito contro la discriminazione tra i precari abilitati e quelli non abilitati che, in ogni caso, stanno prestando servizio da anni nelle scuole. La rabbia dei docenti di seconda fascia è ancor più giustificata dal fatto che del concorso straordinario per l’abilitazione, bandito oltre un anno fa, non si è saputo più nulla. 
Flc-Cgil, alla luce delle suddette considerazioni, chiede che queste procedure vengano modificate attraverso degli emendamenti.