Bonus 2021 senza ISEE: a chi spettano e come richiederli

Il governo Draghi ha messo a disposizione per il 2021 diversi bonus che si possono richiedere a seconda delle proprie condizioni economiche e familiari. Ecco tutti quelli che si possono richiedere, vediamoli in dettaglio.

Bonus e agevolazioni 2021, ecco tutti quelli che si possono richiedere

Bonus bebè

Assegno di natalità fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso in famiglia se si tratta di un’adozione: sarà l’ultimo anno in cui se ne potrà usufruire, visto che dal 2022 sarà incorporato nell’assegno unico familiare.

Assegna ogni mese i seguenti importi, determinati sulla situazione reddituale:

  • 160 euro al mese, per un totale di 1.920 euro all’anno, ai redditi ISEE fino a 7.000 euro;
  • 120 euro al mese, per un totale di 1.400 euro all’anno, ai redditi ISEE tra 7.000 e 40.000 euro;
  • 80 euro al mese, per un totale di 960 euro all’anno, ai redditi alti cioè che superano i 40.000 euro.

Bonus mamma domani

Il bonus mamma domani è stato confermato anche per il 2021, prima che l’assegno unico vada a regime nel 2022. Si tratta di un premio pari a 800 euro, riconosciuto senza limiti di reddito ma soltanto dopo aver presentato domanda all’Inps.

Bonus asili nido

È destinato alle famiglie con figli fino ai 3 anni di età per il pagamento della retta dell’asilo nido, il cui ammontare varia da 1.500 a 3.000 euro in base all’Isee familiare. Anche il bonus asili nido verrà sospeso a partire dal 2022 perché inglobato nell’assegno unico. 

Bonus baby sitter

È un’agevolazione che dà la possibilità ai genitori di figli conviventi minori di 14 anni, in DAD o che osservano un periodo di quarantena per eventi legati al coronavirus, di richiedere uno o più bonus per spese relative a servizi di baby-sitting e servizi integrativi per l’infanzia. 

Bonus genitori separati

Importo massimo di 800 euro mensili per i genitori separati e in difficoltà economiche. Il via libera potrebbe arrivare nei prossimi giorni o, comunque, entro fine maggio. 

Bonus mamma single con figli disabili

Contributo di 500 euro al mese: riguarda le madri single disoccupate o monoreddito con figli disabili. Nel testo di legge di conversione del Decreto Sostegni è stato modificato il testo, e all’articolo 13 bis, introdotto al Senato, si estende il riconoscimento del contributo mensile per figli disabili a carico ad uno dei due genitori, e non solo alla madre come prima previsto, fermo restante che il soggetto deve essere disoccupato o monoreddito facente parte di nuclei familiari monoparentali. A parità di requisiti, quindi, il bonus potrà essere richiesto anche dal padre.

Bonus terzo figlio

Assegno per il terzo figlio anche nel 2021, a favore delle famiglie numerose. Per beneficiarne bisogna avere un Isee in corso di validità che non deve essere superiore a 8.788,99 euro al momento della presentazione della domanda e che deve riferirsi all’intero nucleo familiare del richiedente. Ha un importo pari a poco più di 1.440 euro ma varia in base all’Isee.

Bonus animali domestici

Detrazione fiscale pari al 19% sulle spese veterinarie e sanitarie sostenute nel 2020 da inserire nella dichiarazione dei redditi del 2021. Previsto un limite massimo di 550 euro, 50 in più rispetto alla soglia prevista nel 2020.

Bonus per il lavoro

Previste indennità per i collaboratori sportivi che hanno ridotto o cessato la loro attività causa Covid (da 1200 euro a 3600 euro a seconda dei compensi percepiti nell’anno di imposta 2019), nonché per i lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo (2400 euro). Ci sono anche gli incentivi per l’assunzione di donne, oltre a quelli per partite Iva e casalinghe disoccupate.

Bonus cultura

Bonus da 500 euro per i neo-maggiorenni confermato anche per quest’anno, da spendere in libri, musica, cinema, teatro, danza, musei, monumenti e parchi archeologici, eventi culturali, corsi di musica, teatro o lingua straniera, prodotti dell’editoria audiovisiva.

Bonus studenti universitari

Si tratta dei finanziamenti derivanti dalle borse di studio assegnate, tramite un bando Inps, nel 2021. Il provvedimento è valido, previa domanda che andava presentata entro marzo, per studenti universitari figli di iscritti a determinate categorie di gestione Inps. L’importo può arrivare fino a 2.000 euro e varia in base ai corsi di laurea o alle specializzazioni frequentate dallo studente.

Art bonus

È un credito d’imposta a favore di chi fa donazioni a sostegno della cultura italiana. L’agevolazione prevista ammonta al 65% delle somme spese per interventi di restauro e manutenzione dei beni culturali. 

Bonus Tv

Provvedimento valido fino al 31 dicembre del 2022 o comunque fino all’esaurimento delle risorse stabilite dal governo. È un’agevolazione che può arrivare a 50 euro per l’acquisto di tv e decoder idonei alla ricezione di programmi TV con i nuovi standard DVB-T2. 

Bonus Pc e tablet

Il bonus è stato confermato anche nel 2021 e prevede un voucher che arriva fino a un massimo di 500 euro per l’acquisto di apparecchiature digitali. Viene suddiviso in due parti: 200 euro di sconto per la stipula di un contratto o il potenziamento della connessione internet e 300 euro per l’acquisto di un tablet o di un pc.

Bonus kit digitalizzazione

Incentivo riservato alle famiglie con un Isee inferiore a 20mila euro. Noto anche come bonus smartphone, prevede un cellulare “in comodato d’uso” connesso a Internet, con incluso l’abbonamento a due organi di stampa e l’app Io. Bisogna attendere la firma del decreto attuativo.

Bonus occhiali

Altro bonus che dev’essere ufficializzato dal decreto attuativo. Si tratta di un contributo a fondo perduto pari a euro 50 da scontare sul prezzo di vendita di occhiali da vista e lenti a contatto correttive. Si tratta di una somma una tantum per dei presidi sanitari visivi rivolta ai cittadini che hanno un reddito Isee inferiore ai 10mila euro e che non può essere speso per occhiali da sole.

Bonus auto

Incentivo per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni. In particolare, per quelli da 0 a 20 g/km di CO2 il bonus oscilla tra i 10mila e i 6mila euro, a seconda che l’acquisto avvenga con o senza rottamazione. Da 1 a 60 g/km di CO2, gli incentivi variano dai 6.500 euro in caso di rottamazione ai 3.500 senza rottamazione mentre da 61 a 135 g/km di CO2, l’incentivo è di 3.500 euro ma è necessario avere un’auto da rottamare. Per ricevere il bonus il prezzo di acquisto della vettura non deve superare i 61mila euro, IVA inclusa.

Bonus bici

In attesa di ufficializzazione, l’incentivo corrisponderebbe al 60% del costo sostenuto dall’acquirente per comprare il veicolo con un rimborso massimo di 500 euro e sarebbe valido per biciclette, monopattini o altri mezzi sostenibili.

Ecobonus

Detrazione fiscale riconosciuta per i lavori di riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Si tratta di una detrazione fiscale Irpef ed Ires con tre aliquote diverse (110, 65 e 50%), in base alle diverse tipologie di lavori che si vanno a effettuare.

Superbonus 110%

Comprende numerose possibilità di intervento: la detrazione è pari al 110% della spesa sostenuta con un rimborso su cinque anni. Fa parte del Decreto Rilancio ed è stato prorogato fino al 2023. Il bonus è usufruibile per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Bonus facciate

Agevolazione fiscale con detrazione del 90% valida per tutti gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali, purché si trovino nelle zone A e B, individuate dal decreto ministeriale n. 1444/1968, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.

Bonus ristrutturazione-recupero edilizio

Agevolazioni sugli interventi di ristrutturazione di casa: è possibile per ogni cittadino usufruire di una detrazione del 50% sulle spese sostenute con un tetto massimo di 96mila euro. Questo bonus è accessibile anche per gli immobili di categorie fittizie che vengono frazionati e trasformati a fine lavori in più di una abitazione.

Bonus mobili e grandi elettrodomestici

Valido sino al 31 dicembre, è stata elevata la soglia massima su cui calcolare la detrazione: questa passa da 10mila a 16mila euro. Si tratta di un’agevolazione usufruibile con una detrazione Irpef pari al 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Bonus idrico

Agevolazione pari a 1.000 euro per ciascun richiedente fino ad esaurimento delle risorse. Si potranno, per gli edifici esistenti, per parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari, acquistare nuovi lavandini, rubinetti, miscelatori per bagno e cucina ma anche soffioni e colonne doccia o sistemi per il filtraggio dell’acqua potabile. Nelle spese possono essere comprese quelle per il montaggio e l’installazione. Si attende la firma sul decreto attuativo.

Bonus zanzariere

Agevolazione per l’acquisto di zanzariere che consente di ricevere uno sgravio fiscale per le spese effettuate entro il 31 dicembre 2021. È previsto un limite massimo di spesa detraibile di 60mila euro: si tratta di una riduzione delle imposte (Irpef o Iref) per un importo pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto e l’installazione di zanzariere con schermatura solare, per la rimozione di eventuali sistemi che già esistevano e per altre opere accessorie.

Bonus luce e gas

Sconti sulle bollette per la durata di un anno a favore delle famiglie che si trovano in disagio economico e fisico ma anche per i nuclei familiari numerosi. Da quest’anno basta presentare la DSU, sarà poi l’Inps ad inviare in modo automatico i dati al Sistema Informativo Integrato.

Bonus affitto

Contributo a fondo perduto consistente in una riduzione del 50% del canone di affitto fino a un massimo di 1.200 euro all’anno. L’agevolazione è valida se l’abitazione è zona con alta densità abitativa, se il proprietario dell’abitazione dichiara di affittare l’immobile solo per scopi abitativi e se chi paga l’affitto lo dichiara come prima casa. Previsto anche un bonus specifico per gli studenti fuori sede che non superano la soglia Isee di 20mila euro.

Bonus prima casa

Agevolazione a favore dei giovani under 36 per l’acquisto della prima casa, fino al 31 dicembre 2022. Con i nuovi incentivi sull’acquisto un immobile di 180mila euro si potrebbero risparmiare tra i 2.800 e i 9.000 euro. Agevolazioni che dovrebbero essere effettive anche per chi già possiede nello stesso Comune un immobile ricevuto in eredità, acquisito applicando i benefici prima casa.

Bonus verde

Agevolazione che spetta a tutti i cittadini privati che vogliono di rifare o sistemare giardini, terrazzi, balconi e in generale le aree verdi di casa. Il bonus verde prevede una detrazione fiscale Irpef del 36% sulle spese sostenute per una serie di interventi domestici e che va calcolata su una spesa massima di 5mila euro per unità immobiliare a uso abitativo.