Immissioni in ruolo docenti 2021: posti comuni e sostegno disponibili e consistenza graduatorie (TABELLE CISL)
Immissioni in ruolo docenti 2021: posti comuni e sostegno disponibili e consistenza graduatorie (TABELLE CISL)

Immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2021/22, come avverranno secondo le novità contenute nel Decreto Sostegni Bis? Innanzitutto, giova premettere che la normativa contenuta nel nuovo provvedimento dovrà essere presa in esame ancora dal Parlamento prima della sua conversione in legge: pertanto potrebbe essere ancora soggetta a modifiche. 

Immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2021/22: come si procederà?

Si partirà, come sempre, dallo scorrimento delle graduatorie esistenti, vale a dire Graduatorie ad Esaurimento (Gae), graduatorie di merito concorso 2016 e 2018, sia per la scuola dell’infanzia e primaria che per la secondaria. Per la scuola secondaria di I e II grado si aggiungeranno le graduatorie del concorso straordinario.

Una delle novità, sempre per la scuola secondaria, è rappresentata dal mini concorso per le materie STEM (Matematica, Fisica, Scienze e Informatica), una procedura concorsuale che metterà a disposizione tremila posti e che dovrebbe portare in cattedra, il 1° settembre, i relativi vincitori. Le assunzioni riguarderanno, naturalmente, anche gli elenchi aggiuntivi del concorso 2018.

Cosa succederà dopo la fase ordinaria?

Dopo la fase ordinaria, il piano straordinario assunzionale prevede l’immissione in ruolo dalla prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze, sia su posto comune che su sostegno: occorre tenere presente, però, che tali graduatorie non presentano molti candidati su posto comune, visto che, negli ultimi anni, non ci sono stati percorsi abilitativi. 

Ne deriva che l’attenzione particolare sarà data alle assunzioni su sostegno: nelle graduatorie GPS di prima fascia sostegno, infatti, sono diversi i docenti in possesso delle tre annualità di servizio richieste negli ultimi 10 anni. 
Secondo le stime anticipate dal quotidiano economico ‘Il Sole 24 Ore’, si parla di 11mila docenti di sostegno e di 7500 docenti su posti comuni. Considerando, però, che i docenti di prima fascia GPS potrebbero essere presenti anche nelle graduatorie dei concorsi 2016 e 2018, potrebbero ricevere la proposta di immissione in ruolo già dalla fase ordinaria.