Assunzioni straordinarie da GPS 2021: includono anche i docenti di ruolo inseriti per altra cdc?
Assunzioni straordinarie da GPS 2021: includono anche i docenti di ruolo inseriti per altra cdc?

Immissioni in ruolo straordinarie per l’anno scolastico 2021/22 da GPS, come ampiamente noto, il decreto Sostegni Bis prevede una procedura assunzionale straordinaria dalla prima fascia delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze. Tale procedura è subordinata a quella ordinaria, qualora restino dei posti da assegnare. Inoltre, la procedura straordinaria riguarda esclusivamente coloro che possiedono 3 annualità di servizio. È bene, comunque, tenere presente che tale normativa può essere ancora soggetta a modifiche durante l’iter parlamentare del decreto Sostegni Bis per la conversione in legge. Che dire dei docenti di ruolo che si sono inseriti, a suo tempo, in prima fascia GPS per una classe di concorso diversa da quella di titolarità? Potranno partecipare anche loro alla procedura straordinaria assunzionale?

Immissioni in ruolo straordinarie da GPS 2021, docenti di ruolo potranno partecipare alla procedura?


Come detto poc’anzi, l’Ordinanza Ministeriale N. 60 del 10 luglio 2020 ha consentito ai docenti di ruolo di inserirsi in prima fascia GPS (oppure negli elenchi aggiuntivi) per una cdc diversa da quella di titolarità, sempre che in possesso dell’abilitazione per quella cdc.
Lo scopo è quello di poter aspirare ad una possibile supplenza nella provincia di residenza o, comunque, quello di potersi avvicinare di più a casa, oltre che per altre ragioni di carattere professionale legati a quella particolare classe di concorso.

Per quanto riguarda la procedura straordinaria, i docenti di ruolo inseriti in prima fascia GPS o negli elenchi aggiuntivi potranno partecipare oppure no? Come conferma anche Orizzonte Scuola, nell’attuale testo del decreto Sostegni Bis, non viene specificata la casistica riguardante i docenti di ruolo inseriti in prima fascia GPS per altra cdc: pertanto, si presuppone che basti essere inseriti nelle graduatorie o negli elenchi aggiuntivi, ovviamente a condizione di soddisfare il requisito delle tre annualità di servizio.

Secondo quanto disposto nel decreto Sostegni Bis, il docente dovrebbe essere assunto con contratto a tempo determinato per poi seguire il percorso annuale che lo porterà alla prova finale che determinerà, o meno, l’immissione in ruolo nella classe di concorso, diversa da quella di titolarità e riferita all’inserimento nelle GPS. Il docente in questione dovrebbe essere assunto nella medesima scuola dove ha prestato servizio a tempo determinato.

In caso di mancato superamento della prova finale, il docente dovrebbe tornare a svolgere il proprio servizio nella classe di concorso di titolarità. In ogni caso, diversi punti riguardanti le nuove disposizioni contenute nel decreto Sostegni Bis (non solo quello relativo ai docenti di ruolo inseriti nelle GPS per altra cdc) dovranno essere chiariti dal Ministero dell’Istruzione, una volta che il testo diverrà definitivo e convertito in legge.