Concorsi ordinari, come cambia la procedura
Concorsi ordinari, come cambia la procedura

Tra le novità dal Decreto Sostegni bis ci sono le norme con cui vengono modificati i concorsi scuola ordinari, inclusi quelli già banditi. Ricordiamo che sebbene pubblicato in Gazzetta, l’iter parlamentare del decreto è ancora in corso e quindi potrebbe subire delle modifiche.

Come cambiano i concorsi scuola

Se il decreto Sostegni bis non subirà modifiche, le novità che coinvolgono i concorsi scuola ordinari diventeranno legge. Come si svolgerà la procedura?

I concorsi avranno cadenza annuale, ma con prove semplificate. Viene eliminata la prova preselettiva. E’ prevista una prova scritta con quesiti a risposta multipla e una prova orale. Gli argomenti sono la disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, e sull’informatica e la lingua inglese. Si supera la prova scritta con un punteggio minimo di 70/100.

Oltre le prove, la procedura prevede la valutazione dei titoli e a seguire la formazione della graduatoria.

Il Decreto n. 73/2021 prevede la possibilità di definire appositi protocolli di sicurezza fino al 31 dicembre 2022, se l’emergenza sanitaria dovesse richiederlo.

24 CFU: serviranno ancora?

Che dire del requisito dei 24 CFU? Sarà ancora necessario per il concorso scuola? Nel bando del concorso ordinario per la scuola secondaria di I e II grado il programma relativo ai 24 CFU era riservato alla seconda prova scritta (adesso eliminata). Nel nuovo concorso ordinario si parla di “accertamento delle conoscenze e competenze”. Per cui, non si può escludere che le competenze antro–psico–pedegogiche e didattico metodologie (quelle dei 24 CFU) possano essere incluse anche nella nuova prova.

Stesso discorso vale per le Avvertenze generali (conoscenza della legislazione e della normativa scolastica). Potrebbero essere incluse nella prova orale, ancora non definita.

Chi si può iscrivere al concorso? E le graduatorie?

Ai concorsi già banditi non prevedono una riapertura dei termini, per cui non sarà possibile iscriversi. Chi è iscritto e non supera le prove, non potrà presentare domanda di partecipazione alla procedura concorsuale successiva per la stessa classe di concorso o tipologia di posto.

Le graduatorie di merito saranno formulate sulla base della somma del punteggio della:

  • prova scritta,
  • prova orale
  • valutazione di titoli.