Scuola, ministro Bianchi
Scuola, ministro Bianchi

Sostegno, il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, è intervenuto alla tavola rotonda promossa da Flc-Cgil, ‘La scuola dell’inclusione’.

Bianchi su docenti sostegno: ‘Stiamo lavorando per assumere non solo 15mila insegnanti, ma qualcosa in più’

‘Avere in classe un ragazzo con disabilità è una ricchezza’ – ha dichiarato il ministro dell’Istruzione che ha sottolineato come ‘agire sull’inclusione significa agire su un punto forte della nostra storia: stiamo lavorando molto con le forze in Parlamento per giungere alla possibilità di una soluzione che permetta non solo 15mila assunzioni di insegnanti di sostegno, ma qualcosa in più.

Ma bisogna che anche le nostre università – prosegue Bianchi – mettano a disposizione più posti per la specializzazione nel sostegno, serve un’azione di sistema. Avere persone specializzate dalle nostre università, in grado di agire come sostegno a un cambiamento dell’intera classe è un elemento fondamentale. Su questo con molta fatica stiamo raccogliendo anche un consenso tra le forze politiche’.

Il problema riguarda il numero di posti troppo esiguo per i corsi di specializzazione. Bianchi è convinto che si debba trovare una soluzione. Ne ha parlato con la ministra dell’Università, Maria Cristina Messa.

Bianchi, quindi, ha evidenziato il tema dei troppo pochi posti per le scuole di specializzazione, ‘Dobbiamo portare le persone alla specializzazione avvalendoci delle esperienze che hanno avuto’. In merito all’istituzione di una fascia aggiuntiva alla I o alla II fascia GPS per gli idonei al V ciclo del corso di specializzazione sul sostegno, Bianchi ritiene che tutto ciò ‘comporterebbe la modifica della loro disciplina con evidenti quanto insostenibili riverberi negativi sul regolare avvio di questo anno scolastico’.

Il ministro Bianchi ha ribadito come occorra raggiungere un punto di equilibrio che possa soddisfare l’esigenza di mettere in cattedra quanti più insegnanti possibile in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno‘.