pensione 2022
Cosa accadrà dal 2022 senza la Riforma pensioni

Pensioni 2022: cosa potrebbe accadere a partire dal prossimo anno senza la riforma dell’attuale sistema previdenziale? Ecco tutte le ipotesi possibili.

Pensioni 2022: la scadenza di Quota 100

Con l’inizio del nuovo anno, il sistema previdenziale così come lo conosciamo è destinato in ogni caso a cambiare.

Infatti, anche nel momento in cui non dovesse essere attuata alcuna riforma, con la scadenza di Quota 100 ci sarebbe comunque una serie di inevitabili conseguenze. Soprattutto per quanto concerne l’uscita anticipata dal mondo del lavoro.

Attualmente, tra le opzione candidate a sostituire Quota 100 spiccherebbero:

Ma cosa accadrebbe qualora non dovesse avvenire alcuna riforma? Scopriamolo subito.

Cosa potrebbe accadere senza riforma

Di fatto, senza la riforma del sistema previdenziale si ritornerebbe alla tanto temuta Legge Fornero introdotta nel 2011 e rimasta da allora sempre sullo sfondo.

Ciò significherebbe, quindi, uscire dal mondo del lavoro a 67 anni di età con almeno 20 di contributi per non andare incontro ad alcuna penalizzazione sull’assegno.

In alternativa, si potrebbe accedere alla cosiddetta pensione anticipata ordinaria che prevede l’uscita con:

  • 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne;
  • 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini.

Lo scenario potrebbe, inoltre, aggravarsi se si tiene conto anche degli adeguamenti all’aspettativa di vita ISTAT, che fanno aumentare l’età pensionabile di 3 mesi ogni biennio fino al 2026 per la pensione di vecchiaia e di 2 mesi ogni biennio a partire dal 2027 sia per la pensione di vecchiaia che per quella anticipata.