MAD, apertura delle candidature on line. Come procedere?
MAD, apertura delle candidature on line. Come procedere?

Per MAD si intende la “messa a disposizione”, vale a dire l’istanza tramite cui ci si rende disponibili a svolgere ruoli di supplenza nelle scuole. Si può presentare la domanda sia come docente sia come personale ATA.

MAD on line: la procedura

MAD è quindi l’acronimo di “messa a disposizione”. Rappresenta una procedura a cui ricorrono tantissimi aspiranti docenti ed operatori scolastici per entrare nel mondo della scuola. Per tutti quelli che non hanno conseguito l’abilitazione, non sono inseriti nelle graduatorie GPS o nelle Graduatorie d’Istituto, costituisce l’unica occasione per lavorare nelle scuole. Si ricorda che per il reclutamento dei supplenti, le segreterie scolastiche devono procedere con quest’ordine: I fascia, II fascia, III fascia.

Superata la modalità cartacea, gli interessati inviano la MAD via web, in formato word o PDF, alle email indicate dalle scuole nei siti di appartenenza.

Tuttavia, di recente alcune scuole non accettano più tale modalità di invio alla casella di posta elettronica:  hanno predisposto dei form appositi, che gli aspiranti devono compilare ed inviare. Si tratta di web form come Argo, Nuvola, Spaggiari, Gooogle, la cui compilazione richiede molto tempo ed attenzione.

MAD Form: cos’è?

MAD Form invece consente di risparmiare tempo e fatica: si tratta di un servizio che permette l’inserimento in automatico dei dati della propria messa a diposizione nei web form richiesti da tutti i singoli istituti. Garantisce la copertura di tutte le scuole, sia quelle che accolgono solo moduli web, sia quelle che accettano ancora l’email. Offre anche una consulenza sulle classi di concorso e sulla strategia di invio.

Apertura delle candidature

In molte scuole si è già aperta la candidatura on line tramite MAD per il conferimento delle supplenze del prossimo anno scolastico. Si consiglia di inviare già da adesso le domande per eventuali incarichi per l’anno 2021/22. Consultando i siti dei vari Istituti si possono constatare le modalità ed i termini di invio, che ogni singola scuola stabilisce.

Dati fondamentali da inserire nella MAD

I dati essenziali da inserire nella propria domanda di messa a disposizione sono i seguenti:

  • Dati anagrafici
  • Titoli di studio posseduti, requisito principale che sarà valutato
  • Classi di concorso per cui si intende essere inseriti
  • Esperienza lavorativa nelle scuole

Alcuni suggerimenti

Per incrementare le possibilità di essere convocati è bene avere certi accorgimenti: è consigliabile inviare la domanda a più province, e non solo a quella di residenza. È opportuno presentare la disponibilità anche per i posti sul sostegno, essendo pochissimi i docenti abilitati, soprattutto al Nord. Per questo occorre evidenziare corsi sul sostegno, DSA e BES. È utile inviare la domanda in periodi diversi dell’anno scolastico e ricorrere sempre alla PEC delle scuole e non alle caselle di posta ordinaria.