INPS, quarantena e malattia
INPS, quarantena e malattia

Rivoluzione in vista per quanto riguarda l’accesso di servizi INPS: dal 1° ottobre 2021, infatti, l’accesso sarà possibile soltanto tramite utilizzo delle credenziali SPID, della CIE o della CNS. Il PIN, infatti, il prossimo 30 settembre, non sarà più valido: passerà il testimone alle nuove modialità di identificazione online.

Le novità non finiscono qui: infatti, l’INPS, per tutelare i cittadini impossibilitati ad effettuare l’accesso ai servizi in autonomia, ha deciso di riconoscere la possibilità di delegare una persona di fiducia. Lo stabilisce la circolare N. 127 del 12 agosto 2021. 

INPS, come cambia l’accesso ai servizi: niente più PIN

Da tempo, l’INPS non rilascia più il PIN come credenziale di accesso, tutto ciò per favorire il passaggio alla razionalizzazione dei sistemi di accesso, un passaggio che si realizzerà in maniera definitiva il prossimo 1° ottobre, quando si passerà all’utilizzo esclusivo di SPID, CIE e CNS.

In ogni caso, l’INPS ha deciso di tutelare anche tutti coloro che non hanno una particolare dimestichezza con questi strumenti di identificazione online: per questo motivo, come viene indicato nella suddetta circolare N. 127 del 12 agosto, il cittadino potrà delegare un’altra persona di fiducia per l’utilizzo in autonomia dei servizi INPS online.

Novità delega per accesso ai servizi INPS

Nella circolare, infatti, si legge quanto segue:

‘A decorrere dal 16 agosto 2021 il cittadino che sia impossibilitato ad utilizzare in autonomia i servizi online dell’INPS può delegare un’altra persona di sua fiducia all’esercizio dei propri diritti nei confronti dell’Istituto. La delega dell’identità digitale è anche lo strumento attraverso il quale i tutori, i curatori, gli amministratori di sostegno e gli esercenti la potestà genitoriale possono esercitare i diritti dei rispettivi soggetti rappresentati e dei minori. 

Poiché i PIN INPS verranno disattivati il 30 settembre 2021, al fine di continuare ad esercitare il proprio ruolo nei riguardi dei soggetti tutelati, i tutori, i curatori e gli amministratori di sostegno e gli esercenti la potestà genitoriale dovranno richiedere la registrazione di una delega per tutti i soggetti rappresentati che hanno bisogno di interagire con l’INPS. 

La richiesta può essere effettuata direttamente dal delegante presso una qualsiasi Struttura territoriale dell’INPS esibendo la seguente documentazione: 

– modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale (mod. AA08 scaricabile dal portale www.inps.it); 

– copia del documento di riconoscimento del delegante. 

L’operatore INPS, dopo aver accertato l’identità del richiedente, provvederà a registrare la delega nel sistema. A valle del completamento delle attività, laddove siano presenti i rispettivi contatti telematici (e-mail, cellulare), il sistema invierà una notifica al delegato e al delegante.

Ogni persona può designare un solo delegato. Ogni delegato può essere designato tale da non oltre cinque persone. Il limite delle cinque deleghe non si applica ai tutori, ai curatori e agli amministratori di sostegno. 

Il delegato può accedere ai servizi dell’INPS in luogo del delegante. A tal fine, dovrà autenticarsi con le proprie credenziali SPID/CIE/CNS e successivamente scegliere se operare in prima persona oppure in luogo e per conto del delegante. Le attività svolte dal delegato in luogo del delegante sono tracciate. La delega, qualora sia già registrata, è valida anche per richieste presso gli sportelli dell’INPS dopo l’identificazione del delegato con il proprio documento di identità.

Qui sotto potete trovare il testo integrale della circolare.

CIRCOLARE INPS