Obbligo del Green Pass, studenti e Prof dell'Università di Palermo dicono NO: monta la protesta, news 27/8
Obbligo del Green Pass, studenti e Prof dell'Università di Palermo dicono NO: monta la protesta, news 27/8

Sarebbero finora dodici i docenti, quasi quindici gli amministrativi e circa 100 gli studenti universitari che si sono schierati apertamente contro l’obbligo del Green Pass nelle università di Palermo.

L’Università di Palermo dice NO all’obbligo del Green Pass

Nell’ateneo della cittadina siciliana infatti sta montando una vera e propria protesta contro l’obbligo del Certificato vaccinale. Dal primo settembre entrerà in vigore questa estrema misura e già le voci di protesta si fanno sentire.

Si tratterebbe di un nutrito gruppo di insegnanti, di personale amministrativo e di studenti che dicono no all’imposizione, ma si professano favorevoli al vaccino. Insomma, chi protesta non è un “No Vax” ma solo qualcuno che la pensa diversamente dalla maggior parte della gente.

Tra questi, Gandolfo Dominici, Professore associato della facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Palermo, il quale dichiara: “Non siamo contro il vaccino e non chiamateci no vax dice, il vaccino non previene i contagi, soprattutto con la variante Delta, come dimostrano gli ultimi dati”.

Il Prof fa riferimento alle notizie emerse in questi giorni sull’argomento che giungono da Israele. A quanto pare le sue precisazioni coincidono con le dichiarazioni di questi giorni dell’infettivologo americano Fauci.

Lo stesso infettivologo italo americano sostiene da tempo che dia più sicurezza un tampone che non un vaccino. A tal proposito, Fauci si è schierato palesemente con chi chiede a gran voce la gratuità dei tamponi per chi deve fare ingresso all’Università.

La petizione del Prof. Dominici

Ma ritorniamo al Professore Dominici. Così come riporta stamane il quotidiano Repubblica (Edizione di Palermo), il Prof palermitano ha recentemente lanciato anche una petizione online contro l’obbligo del certificato vaccinale.

“Il vaccino non è obbligatorio, i non vaccinati non possono essere discriminati”, sostiene il Professore Dominici. Lui stesso non è un no vax, ma nel contempo si rifiuta di rispondere sulla sua situazione vaccinale.

Dominici crede sull’efficacia dei vaccini per i soggetti over 50, ma si rifiuta tassativamente di pensare in positivo quando si tratta di inalare il siero ai giovani. “Se pesiamo costi o benefici, è meglio non farlo, ma comunque si tratta di una scelta individuale”, precisa.

Ovviamente, negli ambienti universitari che contano le posizioni di Dominici stanno creando non poche tensioni. Proprio per questo, Vito Ferro, il Professore ordinario di Scienze dalla Terra ha polemizzato sui social con la seguente dichiarazione: “Non possiamo avallare l’idea che un economista si trasformi in un medico- infettivologo perché sarebbe come ammettere che 1 vale 1. Chiedo al mio Rettore di intervenire“.