Riforma pensioni Draghi
Riforma pensioni: il Governo si dice pronto al confronto

Riforma pensioni 2022: dopo le recenti pressioni fatte sul Governo dai sindacati, il premier Mario Draghi si dice pronto al confronto. Ecco le ultime novità.

Le pressioni dei sindacati

Ancora nuove pressioni sul Governo da parte dei sindacati a proposito della prossima riforma delle pensioni.

Le diverse parti sociali hanno, di fatto, inviato una lettera al premier Mario Draghi per ribadire il carattere di urgenza della questione da affrontare, in previsione della scadenza di Quota 100.

“Incontro al più presto” scrivono i leader di Cgil, Cisl e Uil e, nel frattempo, anche gli economisti Tito Boeri e Roberto Perotti in un articolo pubblicato su La Repubblica hanno avanzato una nuova proposta per scongiurare il cosiddetto scalone di 5 anni.

“Si può andare in pensione quando si vuole, a partire da 63 anni, ma accettando una riduzione attuariale sull’intero importo della pensione“. Hanno spiegato Boeri e Perotti sul quotidiano.

“Una riforma di questo tipo non aumenterebbe il cammino del debito pubblico previsto per il futuro” concludono gli economisti, offrendo così nuovi spunti di riflessione.

Riforma pensioni 2022: Draghi pronto al confronto

Alla luce dei recenti sviluppi, il Governo ha finalmente rotto il silenzio sul tema.

“Siamo pronti a discutere della prossima riforma pensioni dopo Quota 100” ha annunciato il presidente del Consiglio Mario Draghi durante l’ultima conferenza stampa tenutasi a Palazzo Chigi.

Il premier, infatti, dopo aver toccato altre questioni attualmente prioritarie come l’estensione del Green Pass con obbligo vaccinale qualora risultasse necessario, ha poi delineato il piano delle riforme dei prossimi mesi.

“Seguiranno le riforme degli ammortizzatori sociali e delle pensioni sul tema Quota 100” ha ribadito Draghi.

Al momento il premier non ha, quindi, voluto sbilanciarsi su quella che potrebbe essere la linea da seguire in termini pensionistici. Tuttavia, ci si aspetta che il tavolo con i sindacati venga convocato nel minor tempo possibile.