Scuola, aggiornamento FAQ ufficiali Ministero Istruzione su rientro in classe
Scuola, aggiornamento FAQ ufficiali Ministero Istruzione su rientro in classe

Domanda di Messa a Disposizione per l’anno scolastico 2021/22, la Circolare annuale sulle supplenze N. 25089 del 6 Agosto 2021 ha nuovamente disposto, come avvenne lo scorso anno, l’impossibilità per i docenti inseriti nelle graduatorie provinciali e in quelle di istituto di poter presentare la domanda di Messa a Disposizione se non in un’altra provincia, da dichiarare espressamente nell’istanza.

Domande MAD 2021/22, i docenti inseriti nelle graduatorie non possono presentarla se non per altra provincia 

La Circolare annuale sulle supplenze, infatti, riporta quanto segue: ‘Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti in alcuna graduatoria provinciale e di istituto e possono essere presentate per una sola provincia da dichiarare espressamente nell’istanza.’

Come sottolinea un comunicato diffuso dal Movimento Autonomo Docenti (M.A.D.), la suddetta Nota ministeriale non fa altro che ricalcare quella pubblicata lo scorso anno: anche in quell’occasione venne introdotto questo paletto. Il tutto, però, venne poi rettificato dalla Nota N. 34365 che, eccezionalmente e limitatamente allo scorso anno scolastico, permetteva la nomina tramite MAD per i docenti inclusi anche nelle Graduatorie Provinciali per le Supplenze o in quelle di istituto.

Il M.A.D. sottolinea l’eccessiva rigidità di questa normativa riproposta anche per il prossimo anno scolastico.
Inoltre, rimarca la nota informativa, il tenore della norma ‘che non risultano iscritti in alcuna graduatoria’ sembra escludere l’invio delle MAD anche per altre classi di concorso/ordini di scuola rispetto a quelle in cui si è inseriti nelle graduatorie.

Si ribadisce il fatto che tutto ciò sia estremamente penalizzante per i docenti inseriti nelle graduatorie per una certa classe di concorso/ordine di scuola, ma che nel frattempo hanno conseguito ulteriori titoli di studio che permettono l’accesso ad altre classi di concorso.

Il Movimento Autonomo Docenti (M.A.D.), pertanto, chiede espressamente di modificare quanto previsto dalla Circolare Supplenze 2021/2022 onde consentire l’invio delle MAD. Vedremo se il Ministero dell’Istruzione deciderà di bissare la deroga disposta lo scorso anno, anche e soprattutto tenendo conto delle numerose cattedre che, probabilmente, resteranno scoperte in avvio di anno scolastico.

Docenti abilitati o specializzati hanno la precedenza anche per le MAD

Giova ricordare che anche per le MAD i docenti abilitati o specializzati precedono i non abilitati e non specializzati. Nel caso in cui, in una scuola, dovessero pervenire più domande di Messa a Disposizione, i dirigenti scolastici dovranno dare la precedenza ai docenti abilitati o specializzati: solamente nel caso in cui non venga data la propria disponibilità, si potrà nominare l’aspirante docente non abilitato o specializzato.

Le domande di Messa a Disposizione dovranno includere tutte le dichiarazioni necessarie per verificare i sopra citati requisiti, in primis quelle relative al conseguimento del titolo di abilitazione e/o del titolo di specializzazione.