Sileri: ‘Obbligo vaccinale extrema ratio, occorre estendere il Green Pass’

Date:

Durante la trasmissione televisiva ‘In Onda‘ su La7 il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri si dice contrario all’obbligo vaccinale. La dichiarazione dell’importante esponente pentastellato lascia di stucco tutti, persino i conduttori della trasmissione televisiva.

Contrario all’obbligo vaccinale il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri: su La7 tutti ammutoliti!

Ecco cosa dichiara Sileri: «Obbligo vaccinale? In questo momento voterei contro. Deve essere un’extrema ratio. Se la popolazione non si vaccina e il virus corre, una qualche forma di obbligo va prevista. La vaccinazione – continua il viceministro – sta andando molto bene e il target dell’80% si raggiungerà».

Sileri spiega le motivazioni che stanno alla base della sua opinione: «Innanzitutto i vaccini non sono ancora in libero mercato e anche se ci dovesse essere Pzifer libero per Ema al di là al del fatto che sarebbe solo un vaccino, come si fa a mettere un obbligo se gli altri vaccini non sono liberi? E per raggiungere quale target? La vera alternativa è l’ampliamento del Green pass».

La sua spiegazione, come sempre del resto, non fa una piega. Pierpaolo SIleri con la calma che lo contraddistingue esprime un concetto assolutamente controcorrente rispetto a quello illustrato l’altro ieri dal Premier Draghi.

Se da domani (ipotetico) partisse l’obbligo vaccinale, il rischio che l’andamento della campagna vaccinale ne risentirebbe è molto alto. Inevitabilmente scatterebbe la corsa al vaccino Pzifer a discapito degli altri vaccini per i quali ancora non c’è stata un’autorizzazione al libero commercio“, spiega il sottosegretario alla salute.

Sileri avverte: “Attenzione a non innescare le battaglie ideologiche”

Alla stessa stregua, prosegue Sileri, non dovrebbe trascurarsi neanche il tema delicato che riguarda le questioni costituzionali. Su questo aspetto il pentastellato è chiarissimo: “l’imposizione di un obbligo o di una certificazione va collegata all’andamento del contagio. In caso contrario, questa scelta non sarebbe legittima perché limitativa della libertà in assenza di un pericolo proporzionato e ragionevole“.

Sulle derive dei movimenti del no Sileri aggiunge una saggia riflessione: “il popolo dei No-vax, no-Mask e no-green pass anche di fronte all’obbligo vaccinale continuerebbe a combattere (alcuni virtualmente dietro la tastiera) la sua battaglia ‘ideologica’“.

Scuolainforma
Scuolainformahttps://www.scuolainforma.it
Scuolainforma è un blog di informazione per il mondo della scuola. La maggior parte dei suoi autori opera del settore della pubblica istruzione.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...