Sostegno, tra formazione obbligatoria e disposizioni ministeriali
Sostegno, tra formazione obbligatoria e disposizioni ministeriali

Tra le attività scolastiche iniziali, l’inclusione degli alunni con disabilità costituisce una questione molto importante su cui tutti gli organi collegiali devono prestare molta attenzione. In particolar modo per questo nuovo anno scolastico si registrano tante novità in termini di inclusione: il nuovo modello nazionale PEI, l’assegnazione delle ore di sostegno, la formazione del personale scolastico, il reclutamento dei docenti di sostegno, il TFA sostegno VI ciclo, il concorso straordinario. Cerchiamo di fare il punto della situazione.

Il nuovo Pei per l’inclusione

Il Decreto Interministeriale 182 del 29/12/2020 e le relative Linee Guida hanno introdotto universalmente in tutti gli ordini di istruzione il nuovo modello nazionale PEI: da quest’anno scolastico 2021/22 ogni scuola deve adottare questo nuovo Piano Educativo Individualizzato la cui redazione spetta al GLO entro il 31 ottobre. Il nuovo PEI prende in considerazione l’aspetto medico che quello sociale dell’alunno con disabilità per progettare un’azione formativa che possa svilupparne le proprie potenzialità.

Attribuzione ore di sostegno per garantire l’inclusione

Per attribuire le ore di sostegno, non si considererà più la condizione di gravità dell’alunno: si farà riferimento al “debito di funzionamento” che si deve individuare a fine anno in base alle abilità e competenze da conseguire. In base alla compilazione della scheda del debito, si assegneranno le ore per il sostegno e per l’assistenza di base ed alla comunicazione qualora necessari.

Formazione del personale scolastico per l’inclusione

In base alla Legge di Bilancio 2021 e relativo Decreto Ministeriale, i docenti non specializzati con in classe alunni con disabilità devono ricevere apposita formazione. Tale formazione risulta essere obbligatoria ed ammonterebbe a 25 ore di impegno complessivo così distribuite: 17 ore in presenza e/o a distanza, 8 ore di approfondimenti da svolgersi entro il 2021 senza esonero dal servizio. Si attendono le indicazioni operative da parte del Ministero.

Reclutamento dei docenti di sostegno

Come sta accadendo in questi giorni, 11 mila docenti specializzati inscritti nelle GPS hanno ricevuto un incarico annuale a tempo determinato: dopo un anno di formazione e prova disciplinare finale questo diventerà a tempo indeterminato con l’immissione in ruolo. La decorrenza giuridica della nomina sarà datata al 1° settembre 2021. La novità più importante è che agli insegnanti di sostegno non sono richiesti 3 anni di servizio negli ultimi 10 anni come per i curriculari. Questo è quanto previsto dall’art 59 della legge Sostegni Bis.

TFA Sostegno VI ciclo

Con il Decreto Ministeriale 755 del 6 luglio si è autorizzato l’avvio del VI ciclo del TFA Sostegno: 22 mila i posti messi a bando, di cui la maggior parte al centro Sud. Il 20, 23, 24 e 30 settembre si svolgeranno le prove relativamente ai quattro ordini di scuola.

Concorso straordinario

Con l’art 59 comma 9 bis, del Decreto Legge 73/2021 si prevede un concorso straordinario da bandire entro il 31 dicembre. Tale opportunità è riservata ai candidati che negli ultimi cinque anni abbiano svolto tre anni di sevizio: si deve effettuare un anno nella c.d.c. per cui si vuole partecipare e si deve ottenere tale requisito entro la data di pubblicazione del bando. Le modalità di esplicazione del concorso e della conseguente eventuale immissione in ruolo sono state precedentemente illustrate.