Congedo parentale a ore, modalità applicazione per docenti e ATA (SCHEDA UIL)

Congedo parentale, modalità oraria applicata al personale scolastico. La Uil Scuola ha redatto una scheda di sintesi riguardante la normativa vigente che regola la possibilità di frazionare ad ore il congedo parentale come alternativa ad un intero giorno di permesso.

Congedo parentale a ore, scheda Uil Scuola

La scheda menziona quanto contenuto nella Legge n. 228/2013 e del D. Lgs 80/2015 (modifica dell’art. 32 del D. Lgs. n. 151/2001).

La modalità di fruizione oraria del congedo parentale si aggiunge alla modalità di fruizione su base giornaliera e mensile. Rispetto alle modalità già in uso (giornaliera o mensile), l’introduzione della modalità oraria non modifica la durata del congedo parentale e pertanto rimangono invariati i limiti complessivi ed individuali entro i quali i genitori lavoratori dipendenti possono assentarsi dal lavoro a tale titolo: 

  • 6 mesi: la madre lavoratrice dipendente; 
  • 6 mesi: il padre lavoratore dipendente (possono aumentare a 7 mesi nel caso di astensione dal lavoro per un periodo continuativo o frazionato di almeno 3 mesi). 
  • 10 mesi: per il genitore solo (lavoratore dipendente). 

Resta altresì invariata la retribuzione per i primi 6 mesi del congedo (complessivi per entrambi i genitori):  

  • I primi 30 giorni (complessivi per entrambi i genitori e fruibili anche frazionatamente): 

sono retribuiti per intero, non riducono le ferie e sono valutati nell’anzianità di servizio. 

  • Nei rimanenti 5 mesi: 
  • fino ai 6 anni del bambino (compreso il giorno del sesto compleanno): la retribuzione viene ridotta al 30% dello stipendio indipendentemente dalle condizioni di reddito del genitore richiedente. Il periodo di congedo non riduce le ferie ed è valutato nell’anzianità di servizio. 
  • nel periodo successivo e fino al compimento degli 8 anni (compreso il giorno dell’ottavo compleanno): la retribuzione viene ridotta al 30% se il genitore che richiede il congedo ha un reddito non superiore a 2 volte e mezzo l’importo della pensione minima (13.400 euro circa). Qualora si superi tale reddito il congedo è senza retribuzione ma comunque computato nell’anzianità di servizio. 
  • dagli 8 ai 12 anni (compreso il giorno del dodicesimo compleanno): il congedo è senza retribuzione indipendentemente dalle condizioni di reddito del genitore richiedente ma comunque computato nell’anzianità di servizio. 

I genitori possono fruire del congedo anche contemporaneamente.

Nella scheda vengono menzionati gli aspetti riguardanti la contrattazione scuola, l’applicazione del congedo in assenza di una regolamentazione, le possibili soluzioni da inserire nella contrattazione, il computo del sabato e della domenica, la compatibilità o l’incompatibilità con altri istituti su base oraria. 

SCHEDA UIL SCUOLA