Rientro a scuola, emendamenti al DL 111/21: ripristino obbligo distanziamento e organico Covid

Date:

Tante preoccupazioni da parte dei sindacati di categoria in vista del rientro a scuola in sicurezza. La FLC CGIL infatti, temendo un anno peggiore del precedente da questo punto di vista, ha elaborato alcune proposte emendative da inserire nel DL 111/21 prima della sua definitiva conversione in Legge.

Le proposte FLC CGIL per eliminare le ‘storture’ del DL 111/21 ed avere più sicurezza nelle scuole

Sono tante le proposte avanzate dal sindacato. Tra le più importanti, il ripristino dell’obbligo della distanza di un metro tra tutti i soggetti presenti a scuola, la presenza dell’organico Covid per tutto l’intero anno scolastico 2021/22 e tanto altro. Ma vediamole nel dettaglio.

Ecco, dunque, l’elenco puntuale delle proposte emendative al DL 111/21 elaborate dalla FLC CGIL e inviate ai gruppi parlamentari per la loro presentazione prima della sua conversione in legge:

  • rendere obbligatorio (e non solo raccomandare) il distanziamento di almeno un metro quale elemento fondamentale di protezione/prevenzione dal contagio;
  • stanziare risorse aggiuntive per prorogare gli incarichi al personale (cd. organico covid) oltre il limite del 30 dicembre e fino al 30 giugno dando la possibilità di ridurre il numero degli alunni per classe in funzione del contenimento della pandemia;
  • escludere esplicitamente qualsiasi conseguenza disciplinare derivante dalle sanzioni ed in particolare la possibilità che, se in numero superiore a 3, i giorni di assenza ingiustificata determinino il licenziamento disciplinare previsto dall’art. 55-quater del DLgs 165/2001;
  • prevedere che il personale neoassunto e quello assunto a tempo determinato per supplenza di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche abbia il medesimo trattamento del personale già di ruolo;
  • chiedere al Ministero dell’Istruzione, relativamente alle supplenze brevi e saltuarie necessarie ad assicurare la sostituzione dei docenti assenti, che, con specifico provvedimento, individui le modalità di applicazione delle disposizioni in relazione alla durata dell’incarico e alla necessità di garantire la continuità dell’erogazione del servizio di istruzione;
  • eliminare la sanzione amministrativa per la mancata esibizione del green pass considerato che tale comportamento è già sanzionato con la sospensione dello stipendio (va sottolineato infatti che le misure sanzionatorie introdotte dal DL 19/2020 si rivolgono alla generalità della popolazione e non tengono conto di ulteriori sanzioni comminate per la stessa fattispecie in relazione al rapporto di lavoro);
  • prevedere la gratuità dei tamponi per le lavoratrici e i lavoratori che ne hanno necessità in coerenza con il decreto stesso che non ipotizza discriminazioni ma anzi permette il conseguimento del green pass anche con un tampone;
  • introdurre l’utilizzo dei test salivari in funzione di uno screening diffuso nel personale.
Scuolainforma
Scuolainformahttps://www.scuolainforma.it
Scuolainforma è un blog di informazione per il mondo della scuola. La maggior parte dei suoi autori opera del settore della pubblica istruzione.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...