Supplenze 2021, al 31 agosto, 30 giugno, da GI

Supplenze docenti per l’anno scolastico 2021/22, tra errori, rettifiche e nuove pubblicazioni, gli Uffici Scolastici Provinciali stanno assegnando le supplenze per il nuovo anno scolastico, attraverso il sistema informatizzato predisposto dal Ministero dell’Istruzione. Numerosi aspiranti supplenti si stanno chiedendo se ci saranno altre convocazioni dopo questa prima tornata.

Supplenze docenti per l’anno scolastico 2021/22, nuove convocazioni

Come sottolineato anche da ‘Tecnica della Scuola’, le convocazioni potrebbero essere più di una. Dopo la prima convocazione, infatti, le cattedre relative ai docenti che hanno rinunciato all’incarico assegnato, torneranno disponibili per le seconde convocazioni. 

Anche le successive convocazioni, che potranno essere effettuate durante l’anno scolastico, si affideranno al medesimo algoritmo che terrà ugualmente in considerazione le preferenze espresse dagli aspiranti supplenti nella domanda presentata su Istanze Online

Inoltre, secondo quanto stabilito dal comma 2 dell’articolo 14 dell’Ordinanza Ministeriale N. 60/2020, i docenti in servizio per una supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto hanno, comunque, la facoltà di lasciare tale supplenza per accettare una supplenza annuale o fino al termine delle attività didattiche da Gae o da GPS.

Rinuncia a supplenza da Gae e da GPS

Il comma 1 dell’articolo 13 della suddetta O.M. 60 indica gli effetti per il mancato perfezionamento e risoluzione anticipata del rapporto di lavoro. Qui si legge:

‘Fatte salve le disposizioni di cui al comma 2, il diniego a una proposta di assunzione a tempo determinato comporta i seguenti effetti con riferimento al relativo anno scolastico: 

a) supplenze conferite sulla base delle GAE e GPS

  • la rinuncia ad una proposta di assunzione o l’assenza alla convocazione comportano la perdita della possibilità di conseguire supplenze sulla base delle GAE e GPS per il medesimo insegnamento; 
  • la mancata assunzione di servizio dopo l’accettazione, attuatasi anche mediante la presentazione preventiva di delega, comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE che delle GPS, nonché sulla base delle graduatorie di istituto, per il medesimo insegnamento; 
  • l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE e delle GPS che sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di tutti i posti o classi di concorso ove l’aspirante è inserito; 

Rinuncia supplenze conferite sulla base delle graduatorie di istituto

  • la rinuncia a una proposta contrattuale o alla sua proroga o conferma comporta, esclusivamente per gli aspiranti totalmente inoccupati al momento dell’offerta di supplenza, ovvero che non abbiano già fornito accettazione per altra supplenza, la collocazione in coda alla graduatoria di terza fascia relativa al medesimo insegnamento; la mancata risposta, nei termini previsti, ad una qualsiasi proposta di contratto per cui la comunicazione effettuata dalla scuola debba considerarsi effettivamente pervenuta al destinatario, equivale alla rinuncia esplicita; 
  • la mancata assunzione in servizio dopo l’accettazione comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze per il medesimo insegnamento in tutte le istituzioni scolastiche in cui si è inclusi nelle relative graduatorie;
  • l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, conferite sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di inserimento.