Super Green Pass
Super Green Pass

Il super Green Pass di cui si vocifera da giorni, diventerà realtà: sarà obbligatorio per i lavoratori della Pubblica amministrazione e privati. Queste sono le notizie che emergono dopo la riunione della cabina di regia tra il premier Mario Draghi e i capidelegazione delle forze di maggioranza. Via libera anche al prezzo calmierato dei tamponi, che non saranno gratuiti.

Super green pass per tutti i lavoratori pubblici e privati

Alla riunione di oggi si è deciso per il via libera al super green pass, nonostante i dubbi dei sindacati. Sono circa 18 milioni i lavoratori pubblici e privati interessati alla novità. L’obbligo scatterebbe dal 15 di ottobre. Alla riunione erano presenti Dario Franceschini (Pd), Roberto Speranza (Leu), Maria Stella Gelmini (Fi), Federico D’Incà (M5S), Giancarlo Giorgetti (Lega) ed Elena Bonetti (Iv).

Non sono chiari e noti tutti i dettagli, ma sembra chele sanzioni previste siano simili a quelle applicate al mondo della scuola: dopo 5 giorni di assenza, sospensione senza stipendio e contributi. Sanzione pecuniaria e disciplinare per chi invece accede al lavoro eludendo il controllo.

Ieri il Parlamento aveva dato il via libera al Decreto Green Pass.

Tamponi salivari a prezzo fisso, ma non gratuiti

No ai tamponi gratis, come richiesto dai sindacati. Chi non ha il green pass, dovrà pagarsi l’entrata al lavoro. Si va verso prezzi calmierati per le farmacie:

  • zero per chi non possa fare il vaccino, 
  • 8 euro per i minorenni,
  • 15 euro per i maggiorenni.